SUPERSPORT

La Ducati rivuole Bayliss in pista... ma è il figlio

Il ds Ciabatt conferma: "Ne stiamo parlando con papà Troy, ci proveremo"

  • A
  • A
  • A

Troy Bayliss è considerato una leggenda da parte dei tifosi della Ducati e non solo per le gare e i titoli vinti in Superbike. Così, la notizia di un ritorno in pista di questo cognome da corsa così importante ha presto fatto il giro del mondo. Non stiamo parlando del vecchio leone Troy, però, ma del suo giovane figlio Oli (insieme nella foto worldsbk.com). Il 18enne australiano, infatti, potrebbe approdare nel Mondiale Supersport del 2022 in sella proprio a una Ducati, che ha appena annunciato il suo ritorno nella categorie con Nicolò Bulega.

Vedi anche Superbike, gara-2: Rea vince e riapre il mondiale, Razgatlioglu cade superbike Superbike, gara-2: Rea vince e riapre il mondiale, Razgatlioglu cade Oli Bayliss ha già corso in Supersport come wildcard nel 2020 a Phillip Island ed è stato impegnato nella Superbike del campionato australiano in sella a una Panigale V4 R.

“In questo momento non è ufficiale ma proveremo anche a portare nel campionato il figlio di Troy Bayliss, ne stiamo parlando con Troy. Oli Bayliss ha compiuto 18 anni una settimana fa e ha vinto una gara in Australia con la V4 R. Portarlo nel campionato del Mondo, 20 anni dopo il primo titolo mondiale di suo padre – e conquistato insieme a noi – sarebbe molto bello e interessante per i ducatisti”, ha confermato ad "After Sunday" il direttore sportivo di Ducati Corse, Paolo Ciabatti.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments