Menu
HomeHome

L'atleta del momento: Larissa Iapichino! A 15 anni è meglio di mamma Fiona May

Salta 6,38m e si veste d’azzurro: è prima tra le under 18 nel ranking europeo, quinta al mondo fra le under 20

L'atleta del momento: Larissa Iapichino! A 15 anni è meglio di mamma Fiona May

Come si dice a Firenze… è tanta roba!”. Ha il sorriso della felicità Larissa Iapichino, al primo anno Allieve fresca vincitrice del titolo italiano di salto in lungo. Chi non riesce proprio a contenersi è mamma Fiona May che al balzo della figlia a 6,38m è esplosa in un urlo di gioia sugli spalti dello stadio Raul Guidobaldi di Rieti, dove si è disputata la 53esima edizione dei Campionati Italiani Allievi (under 18).

LA MIGLIORE ALLIEVA IN EUROPA

E c’è davvero di che rallegrarsi per questo risultato della giovane portacolori dell’Atletica Firenze Marathon. Larissa, fisico longilineo e cascata di treccine sulla schiena, con la misura di 6,38 diventa infatti la migliore allieva azzurra al primo anno di categoria e la quarta under18 di sempre distante 17 centimetri dal primato italiano di Maria Chiara Baccini (6,55 del 1998). Non solo: attualmente Larissa è prima tra le under 18 nel ranking europeo, quinta al mondo fra le under 20.

DAVANTI A MAMMA FIONA

Ma c’è di più. Con quel salto a 6,38 Larissa si aggiudica la sfida in famiglia con mamma Fiona che alla sua età arrivò a saltare “solo” 6,22m prima di iniziare una carriera culminata con i due ori mondiali e i due argenti olimpici.
L’importante è che i record restino in famiglia” ha commentato Fiona dopo il salto di Larissa, risultato che la proietta fra le attese protagoniste ai Campionati Europei under 18 di Gyor dove vestirà la maglia azzurra. Che effetto fa? “Che emozione. Solo adesso capisco cosa provava mia mamma quando a gareggiare ero io…

I FIGLI D'ARTE DELL'ATLETICA

Un’emozione che ha provato probabilmente anche Eddy Ottoz, medaglia di bronzo nei 110 hs ai Giochi olimpici di città del Messico 1968, quando suo figlio Laurent, da lui allenato, ha migliorato lo storico record italiano del padre. Quella mitica medaglia, infatti, fu conquistata il 17 ottobre 1968 grazie a un tempo manuale poi ricalcolato in 13”46, che resistette come primato italiano fino al 30 agosto 1994, quando Laurent lo abbassò a 13”42, al meeting di Berlino.
Il rapporto di amore e sfida tra genitori e figli accompagna la storia dell’atletica, che ancora oggi presenta i suoi casi alla Valentino e Sandro Mazzola o alla Dino e Andrea Meneghin. Nella scena del mezzofondo attuale spiccano anche i nomi, ad esempio, di Federica Del Buono (figlia del pluriprimatista italiano Gianni) e di Eleonora ed Elisabetta Vandi, figlie dell’ottocentista Luca.

TAGS:
Correre
Corsa
Salto in lungo
Larissa Iapichino
Fiona May

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X