VOLLEY

Volley: la Lube fa cinque su cinque, Firenze si conferma seconda tra le donne  

Civitanova prevale anche su Perugia. L'Azzurra Volley batte in rimonta Cuneo

  • A
  • A
  • A

Continua senza segnali di cedimento la marcia della Lube Civitanova in Superlega: i marchigiani abbattono anche Perugia e salgono a cinque vittorie in cinque partite di campionato. Tutto facile per Modena che si impone a Ravenna per 3-0, Piacenza batte Vibo Valentia dopo un'incredibile maratona: vittoria al tie-break, con il quarto set terminato 36-38. Donne: Firenze supera in rimonta Cuneo e si conferma seconda, cade Chieri contro Scandicci.

SUPERLEGA

La Lube Civitanova manda un messaggio importante alle big del campionato e piega in maniera piuttosto netta Perugia nello scontro tra superpotenze della pallavolo maschile italiana. I marchigiani prevalgono infatti in quattro set, subendo la Sir Safety solo in un terzo set che dopo una lunga battaglia premia gli umbri (28-26, 25-20, 24-26, 25-22). I cucinieri infatti non solo centrano la quinta vittoria in altrettante partite di campionato, ma si ritrovano anche a punteggio pieno dopo il succosissimo anticipo dell'undicesima giornata (prevista a dicembre e giocata oggi causa Mondiale per Club). Se però il primo set è vinto dopo una battaglia punto su punto, il dominio dei padroni di casa nel secondo è netto. Gli umbri si aggiudicano un combattutissimo terzo set, prima di capitolare nell'ultimo in cui Civitanova mostra una superiorità fin troppo netta (Leal chiude a 20 punti, Juantorena a 15). Al secondo posto resiste Modena, che però a sua volta è a punteggio pieno (con quattro partite giocate invece delle cinque dei rivali): gli emiliani salgono infatti a quota 12 strapazzando Ravenna che resiste solo nel primo set, perso dopo un iniziale equilibrio, e si fa dominare nei successivi due. Termina infatti 0-3 (20-25, 17-25, 16-25), senza nessun particolare problema per Ivan Zaytsev (12 punti per lui) e compagni. Fa capolino in zona playoff Latina, che prevale al tie-break su Monza in una delle partite più vivaci della giornata: la Top Volley al Palasport di Cisterna si ritrova due volte in svantaggio e ha sempre la forza di recuperare per poi superare i brianzoli al quinto set (18-25, 25-23,19-25, 25-15, 15-11): per i pontini è la prima vittoria alla terza partita stagionale. Chi si supera sono però Piacenza e Vibo Valentia, in un altro confronto terminato in cinque set, ma dopo oltre due ore di battaglia: finisce infatti 25-18, 25-18, 20-25, 36-38, 15-10 e in particolare il quarto set è incredibilmente combattuto. Ad aggiudicarselo è la Tonno Callipo, che però poi cede di schianto al tie-break restando penultima in classifica. Ultima è invece Sora, senza vittorie in cinque partite e strapazzata in casa da Padova (21-25, 23-25, 15-25).

SERIE A FEMMINILE

Firenze si conferma seconda forza del campionato, alle spalle di una Conegliano che al momento appare inarrivabile ma da cui le toscane rimangono distanti comunque cinque punti e due vittorie. Merito del successo in quattro set rimediato contro Cuneo, che pure strappa il primo set al Bisonte ferito (reduce dalla brutta figura con Brescia) ma alla fine rimedia la terza sconfitta di fila in campionato. Finisce 25-27, 25-14, 25-18, 25-18, con le padrone di casa che dopo un set perso ai vantaggio riprendono il controllo delle operazioni e grazie alla crescita di Nwakalor e Daalderop non concedono più speranze a Cuneo. In rimonta anche la vittoria, sempre in quattro set, di Busto Arsizio su Caserta (23-25, 25-23, 25-19, 25-18), una vittoria che unita al ko di ieri di Brescia vale il momentaneo quarto posto in solitaria. La sfida non è facile, e vede Caserta molto più in palla nelle fasi iniziali della partita, grazie a una prova importante di Gray. Fondamentali Bonifacio e Lowe per riacchiappare un importante e non scontato 1-1, partendo dal quale la Unet E-Work non si ferma più e si prende l'intera posta in gioco. Fa male invece il ko interno di Chieri, che al PalaFenera cede al tie-break contro Scandicci dopo essersi portata in vantaggio, essersi fatta rimontare e aver a propria volta recuperato fino al 2-2. Finisce invece 25-15, 19-25, 23-25, 25-20, 9-15 con un crollo inspiegabile nel quinto set in cui la Savino Del Bene trova sei punti di fila, che si rivelano poi decisivi per la vittoria. Si muove piano la classifica di Perugia, che a Bergamo perde al tie-break e si morde le mani per aver sprecato due set di vantaggio. Il punteggio finale dice infatti 19-25, 22-25, 25-18, 25-22, 15-10, con Malwina Smarzek che prende per mano la Zanetti e le regala la seconda vittoria stagionale, sebbene con due soli punti.
 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments