Tennis, Australian Open: per Nadal, Federer, Sharapova e Wozniacki vittorie da cannibali

I big accedono al terzo turno non concedendo nemmeno un set ai rispettivi avversari (Ebden, Evans e le svedesi Peterson e Larsson)

Tennis, Australian Open: per Nadal, Federer, Sharapova e Wozniacki vittorie da cannibali

I big non tradiscono nel secondo turno degli Australian Open 2019. Rafa Nadal e Roger Federer battono infatti i rispettivi avversari non concedendo loro nemmeno un set: in serata il maiorchino rifila un pulito 6-3, 6-2, 6-2 a Ebden; 3-0 anche per lo svizzero contro Evans, pur con due set decisi al tiebreak. Compito facile anche per Maria Sharapova e Caroline Wozniacki contro le svedesi Peterson e Larsson: arrivano due vittorie per due set a zero.

Rafael Nadal accede per la tredicesima volta al terzo turno degli Australian Open battendo in tre set il "padrone di casa" Matthew Ebden, di fatto in gara solo per una buona parte del primo set. Il maiorchino non ha mai perso la battuta, concedendo all'avversario solo quattro palle break: tre, appunto, nel primo set e l'ultima a risultato ormai acquisito. Sul 6-3, però, il nastro ha negato al il punto del 6-4 al 31enne australiano e da quel momento in poi è stato dominio Rafa. Sontuosa la prova dell'ex numero uno del mondo, il cui dritto in tutte le possibili varianti si è rivelato decisamente troppo per Ebden. Alla fine è stato un pulito 6-3, 6-2, 6-2, arrivato in meno di due ore di gioco, a garantire a Nadal il passaggio del turno e la sfida contro Alex De Minaur. Altra serata di grazia per il 19enne di Sydney, che si è conquistato la sfida con King Rafa dominando Henri Laaksonen, subendo la sua poderosa rimonta e poi inchiodandolo al quinto set: australiano avanti con il punteggio di 6-4, 6-2, 6-7(9), 4-6, 6-3.

Nel pomeriggio Roger Federer era riuscito a regolare in tre set l'inglese Daniel Evans, dovendo però ricorrere al tiebreak nelle prime due circostanze: 7-6(5), 7-6(3), 6-3 il punteggio finale, con lo svizzero sempre avanti e che non ha perso la lucidità nonostante i due set point non concretizzati nel primo set, sul punteggio di 5-3. Per lui al prossimo turno arriverà la sfida con lo statunitense Taylor Fritz, che in quattro lunghissimi set ha sconfitto il francese Gael Monfils: 6-3, 6-7(10), 7-6(8) e 7-6(7).

Decisamente minori i problemi per Tomas Berdych, che in tre set (6-1, 6-3, 6-3) ha regolato un Robin Haase che solo nel terzo ha provato a tenere botta al suo avversario, particolarmente in forma come testimoniato dall'88% nel punteggio sul primo servizio. Più complicato il compito di Marin Cilic: il croato è partito bene contro lo statunitense Mackenzie McDonald, a cui ha però ceduto il secondo set al tiebreak. A quel punto sono però arrivati due 6-4 che gli sono valsi il passaggio al terzo turno: 7-5, 7-6(11), 6-4, 6-4 il punteggio finale. Non una passeggiata nemmeno il match di Grigor Dimitrov, vincitore su Pablo Cuevas per 6-3, 6-7(5), 6-3, 7-5. Buona la prova dell'uruguaiano, che se l'è giocata alla pari con il vincitore delle ATP Finals del 2017, concedendogli un solo break per ogni set. E ora il bulgaro se la vedrà con Thomas Fabbiano, il pugliese rivelazione del secondo turno.

Notte fonda invece per Maria Sharapova, ma solo per quanto riguarda l'orologio: la siberiana ha iniziato infatti alle undici e mezza la sua partita contro la svedese Rebecca Peterson, un'avversaria mai incontrata nel corso della sua lunghissima carriera, e l'ha terminata qualche minuto prima dell'una con una vittoria importante e significativa, anche e non solo per una questione di almanacchi. Non facilissimo l'avvio per Maria, molto nervosa nel corso del primo set. Concesso il primo punto alla Peterson e nonostante qualche imprecisione, però, il punteggio di 6-2 ha facilitato il compito della russa, che nel secondo set ha aumentato velocità e potenza dei suoi colpi rifilando alla malcapitata Peterson un netto 4-0. L'errore sul dritto ha regalato un punto alla svedese dopo sette game di fila, sudatissimo il 5-1 per la Sharapova, che a quel punto è però agevolmente riuscita a chiudere sul 6-2, 6-1, conquistando la vittoria numero 600 in carriera e una stuzzicante sfida con la Wozniacki al prossimo turno.

Nessun problema nemmeno per le altre big impegnate nel corso della giornata, tutte vincenti in due set: proprio Caroline Wozniacki ha eliminato l'altra svedese Johanna Larsson (6-1, 6-3), altrettanto ha fatto Petra Kvitova con la rumena Irina-Camelia Begu (6-1, 6-3), stesso punteggio ma a set invertiti per Sloane Stephens contro l'ungherese Timea Babos (6-3, 6-1). Vittoria in due set, infine, anche per Angelique Kerber contro la brasiliana Beatriz Haddad Maia (6-2, 6-3).

TAGS:
Tennis
Australian Open
Federer
Nadal
Anderson

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X