L'INTERVISTA

Tennis, Binaghi: "Il nostro tennis non era così forte da 40 anni"  

Il presidente federale: "La Davis? Con il nuovo format sarà ancora più incerta" 

  • A
  • A
  • A

"Stiamo raccogliendo risultati che il tennis non conseguiva da 40 anni". Con la differenza che, "rispetto ai campioni di allora", Berrettini e Sonego "sono giovani giocatori in crescita e promettono di mantenerli per i prossimi 10 anni". Angelo Binaghi, presidente della Federazione tennis, vede schiarirsi l'orizzonte dell'Italia che oggi contro il Canada inizia a Madrid il suo cammino nella Davis Cup dal format rinnovato: tre soli incontri, disputati al meglio di tre set e non più cinque. 

"Con questa nuova formula la Davis diventerà ancora più incerta - sottolinea Binaghi a 'Radio anch'io sport' -. Siamo tra le nazioni favorite, ma competiamo in un girone molto difficile, con Canada e Stati Uniti". Perché si è dovuto attendere oltre 40 anni per vedere questa esplosione tecnica, simboleggiata su tutti dagli exploit di Jannik Sinner? "Lo sport è fatto di cicli - ha risposto Binaghi -. Negli ultimi 10 anni c'è stato quello del settore femminile, più importante di quello degli anni Settanta nel settore maschile. Perché non è successo prima? Ricordo solo che quando arrivammo, nel 2001, gli internazionali erano un fallimento, la federazione era praticamente in bancarotta. Era portata ad esempio come la più disastrata e corrotta del panorama italiano".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments