Rio 2016, pallanuoto: Settebello fermato dalla Croazia

Dopo tre successi l'Italia del ct Campagna cede 10-7 ai croati che si portano al comando a 6 punti con gli azzurri

Campagna (Afp)

Primo stop per il Settebello di pallanuoto nel torneo olimpico di Rio. L'Italia del ct Sandro Campagna non riesca a sfatare il tabù Croazia che vince 10-7 e appaia gli azzurri in testa al girone B con 6 punti. Per Tempesti e compagni è la prima sconfitta dopo i successi contro Spagna, Francia e Montenegro: Croazia trascinata da Sandro Sukno, autore di ben 5 gol. Il Settebello tornerà in piscina domenica alle 20.30 contro gli Usa.

La Croazia resta un tabù per il Settebello. I campioni olimpici in carica riscattano lo stop contro la Spagna battendo 10-7 gli azzurri che perdono così l'opportunità di sigillare il primo posto nel girone B: ora è tutto aperto perchè ad una giornata dalla fine della prima fase le due squadre sono appaiate al comando con 6 punti. Il match è molto equilibrato come ci si poteva attendere: il primo periodo si chiude in parità, 1-1, mentre nel secondo è un botta e risposta continuo, con gli azzurri che sorpassano sul 3-2 con Bodegas e gli slavi che tornano davanti sul 5-4.

Nel terzo quarto l'Italia finisce a -2, risale con Presciutti e Gallo ma poi torna di nuovo sotto 8-6 per i gol di uno scatenato Sandro Sukno (5 reti alla fine). Il divario tra le squadre però resta tale perchè il Settebello, dopo essere tornato a -1 con un altro gol di Gallo, incassa le marcature di Bukic e Buric che sigillano il successo della Croazia. L'Italia tornerà in piscina domenica alle 20.30, ora italiana, per sfidare gli Stati Uniti: un successo potrebbe non bastare per conquistare il primo posto.

TAGS:
Rio 2016
Pallanuoto
Italia
Croazia

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X