SCIALPINISMO

Transcavallo, cento per cento Boscacci-Eydallin  

La mancanza di neve alle quote più basse non ha "minato" una delle classiche dello scialpinismo

di
  • A
  • A
  • A

Quando fanno coppia, Michele Boscacci e Matteo Eydallin sono difficilmente battibili. Anzi (e più precisamente) sono letteralmente imbattibili, con una percentuale partecipazioni/vittorie del cento per cento! Così è avvenuto anche alla Transcavallo, una delle grandi classiche a squadre dello scialpinismo internazionale, andata in scena su tre tappe in tre giorni sulle montagne al confine tra Piancavallo e Tambre.

Dopo avere faticato più del previsto nelle prime tappe, i due azzurri del Centro Sportivo Esercito hanno allungato il passo nella terza e decisiva giornata in Alpago, alle pendici della Val Salatis. L’assenza di neve alle quote più basse, che aveva già penalizzato le prime due tappe, ha costretto gli organizzatori a fare i salti mortali anche nella giornata-clou della Transcavallo, alzando la partenza a millequattrocento metri di quota. In programma sei salite per un totale di duemilacento metri di dislivello positivo con tratti da affrontare a piedi: ramponi calzati e sci caricati sulle spalle.  

Nonostante la situazione … critica a valle, in alto le condizioni del tracciato sono comunque risultate ideali, tanto da permettere agli atleti di affrontare lo spettacolare Canalino delle Placche: una lingua di neve che si insinua tra le rocce del monte Guslon, con pendenze che superano i cinquanta gradi. Eydallin e Boscacci hanno chiuso la tappa davanti alla coppia formata da William Boffelli e Alex Oberbacher, con gli austriaci Armin Wolf e Jakob Herrmann terzi ma … posizioni invertite tra queste ultime due squadre nella classifica generale.

Pronostico rispettato fino in fondo nella gara femminile. Assenti le annunciate Katia Tomatis e Laetitia Roux, strada spianata verso il successo per le azzure Alba De Silvestro e Ilaria Veronese che dominano la trentasettesima edizione della Transcavallo. Seconda piazza finale per la squadra formata dall’austriaca Johanna Hiemmer e dalla norvegese Malene Blikken Haukoy. A competare il podio Valentine Fabre (Francia) e Sierra Anderson (USA).

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments