Sci, Paris vince ancora in discesa

L'azzurro batte lo svizzero Feuz e tiene aperta la corsa alla coppa di specialità

  • A
  • A
  • A

Altra impresa di Dominik Paris che ha vinto la discesa di Coppa del mondo a Kvitfjell. In Norvegia, l'azzurro ha chiuso in 1'45"74, precedendo lo svizzero Beat Feuz (1'45"99) e l'austriaco Matthias Mayer (1'46"11). E' il quarto successo stagionale ed il 13° in carriera per Paris, che resta così ancora in corsa per la conquista della coppa di disciplina: manca una gara e Feuz è al comando della generale con 500 punti contro i 420 di Paris.

Tutto si deciderà così tra una settimana a Soldeu, in Andorra, con Feuz però decisamente favorito per il successo finale. Per l'Italia ci sono poi fuori dalla top 10 Christof Innerhofer in 1'47"20 e Matteo Marsaglia in 1'47"76, Quella di Kvitfjell è stata anche l'ultima gara in carriera dell'azzurro Werner Heel, 36 anni e tre vittorie in coppa la prima delle quali proprio sulle nevi norvegesi nel 2008.

"Mi sento molto bene. Non era facile oggi, mi sono spinto molto forte ed è andata bene. Su questa pista avevo già vinto nel 2016 e sapevo dove potevo fare bene. Quest'anno in particolare, mi diverto un sacco a sciare e lo faccio molto bene. Riesco a fare quello che voglio in pista e si vede. Feuz scia molto forte e io sapevo che dovevo fare per forza tutto al meglio. Ma è già difficile stargli davanti e fare differenza con i punti ancora di più. Ma io penso che le gare sono belle anche così ed è una vittoria che mi piace molto. Non penso ancora ai record o al numero totale delle mie vittorie, mi concentro sulla sciata e mi godo gara dopo gara. I conti si faranno alla fine", le parole di Paris.

Per una fortissima nevicata è stato cancellato senza recupero anche il supergigante di Coppa del mondo donne in programma a Sochi. E' davvero nato sotto una cattiva stella il ritorno della Coppa del mondo sulle piste olimpiche russe di Rosa Khutor. Il calendario originario prevedeva per oggi e domani una discesa ed un superG. Per poter effettuare la discesa è però obbligatoria per ragioni di sicurezza almeno una prova cronometrata preventiva del tracciato. Ne erano state programmate tre a partire da mercoledì scorso. Ma tutte erano state cancellate per il cattivo tempo ed è così stata annullata anche la gara di discesa sostituita dal supergigante non disputato per maltempo a gennaio a St. Anton. Rimane in programma quello di domenica, neve permettendo.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments