MotoGP Repubblica Ceca, Marquez: "Un grandissimo weekend"

Soddisfatto del 2° posto Dovizioso: "Ho dato tutto, Marc sta facendo un'annata speciale"

  • A
  • A
  • A

Marc Marquez non può che festeggiare al termine dell'ennesima cavalcata vincente di una stagione fin qui da incorniciare: "Ero molto concentrato fin dall’inizio, perché c’erano ancora delle chiazze bagnate in curva 1. Inizialmente temevo le Yamaha dietro di me, che erano state veloci nel warm up. Poi ho visto che c’era Dovizioso e ho continuato a spingere e spingere. All’11esimo giro ho avuto un ‘avvertimento’ dalla moto e mi sono tranquillizzato un po'. Sono contentissimo di questo weekend, è stato un po’ difficile ma sono stato concentrato, preciso e ringrazio il team che mi ha aiutato a raggiungere la vittoria. La mia stagione? Mi sento molto bene con la moto e riesco a capire molto bene cosa mi chiede. Ora ci saranno delle piste un pochino più difficili, i test ci serviranno per migliorare su alcuni aspetti, specialmente di elettronica".

Getty Images

Timidi segnali di risveglio da parte di Valentino Rossi, che lancia un messaggio alla Yamaha. "Non si può essere contenti di un un 6° posto, ma almeno sono riuscito a guidare meglio rispetto alle ultime gare - ha sottolineato il Dottore - In frenata e in entrata in curva ero veloce. Quest'anno il nostro problema più grande è la velocità massima, oltre all'accelerazione. Domani per i test proverò il motore 2020. La Yamaha deve rendersi conto che dobbiamo lavorare seriamente".

Soddisfatto della sua gara Andrea Dovizioso, nonostante il ritardo da Marquez in classifica sia ulteriore aumentato: "Ho dato tutto dall'inizio. Sono partito bene e mi sono messo in una posizione perfetta - ha spiegato il forlivese - Lui andava più forte perché aveva la soft al posteriore in partenza, ma io sono riuscito a stargli vicino parecchio tempo. Poi però la gomma ha cominciato a calare per tutti e lui riusciva a frenare più forte. Noi siamo ancora forti in accelerazione e frenata, ma sotto questo punto di vista loro sono migliorati tanto. Io non ho potuto scegliere la hard davanti perché aveva piovuto, forse con quella sarei riuscito a fare un pochino meglio, ma probabilmente non sarebbe bastato comunque. In generale è una stagione molto diversa rispetto all'anno scorso, per la gestione delle gomme e delle gare in particolare. Austria? Intanto pensiamo ai testi qui di lunedì, abbiamo del materiale da provare per migliorare alcuni piccoli aspetti. Marc sta facendo un'annata ancora più speciale del solito, noi ci siamo, ma lui mette davvero in crisi tutti".

Gioia anche per Jack Miller, 3° al traguardo: "Questo è il podio migliore senza dubbio. Sono rimasto piuttosto calmo, ho visto che Rins spingeva, ma io riuscivo a stargli dietro. Ho continuato a seguirlo, correva abbastanza, ma ho deciso di superarlo e ho spinto. Ho spinto molto, sapevo che dovevo essere paziente, aspettare e prendermi il tempo giusto per superarlo. Sarebbe stato meglio poter provare un po’ di più durante il weekend, ma ringrazio il team per l’ottimo lavoro. Sono contentissimo del risultato".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments