MotoGP Austria, prova di forza della Ducati di Dovizioso

Il forlivese piega Marquez con un sorpasso da paura all'ultima curva, Valentino Rossi ai piedi del podio

di
  • A
  • A
  • A

Andrea Dovizioso ha vinto il GP d'Austria e ritrovato un successo che gli mancava ormai dalla prima gara stagionale. Il forlivese della Ducati ha compiuto un vero e proprio capolavoro, tenendo il ritmo di Marquez e infilandolo con un sorpasso strepitoso all'ultima curva. Terzo posto per un ottimo Quartararo con la Yamaha Petronas, ai piedi del podio invece Valentino Rossi. Marquez resta saldamente leader del Mondiale, a + 58 su Dovizioso.

Il circuito di Spielberg continua ad essere terra di dominio Ducati. Il trionfo, questa volta, è stato però tutto di Dovizioso, fenomenale nel reggere il passo indiavolato di Marquez per l'intera gara, infastidirlo ad ogni staccata e poi infilarlo quando sembrava impossibile, uscendo fortissimo dalla curva 9 e poi beffandolo alla 10, quella prima del traguardo, in un ultimo giro da brividi. Il Mondiale resta un'utopia, perché il vantaggio che Marc è stato capace di costruirsi fin qui appare ancora incolmabile, ma per la Rossa di Borgo Panigale si è trattato di un'importantissima prova di forza. Delusione per l'altra Desmosedici ufficiale di Petrucci, che ha chiuso 9° al termine di un weekend da dimenticare. Il ternano è finito alle spalle anche di due rookie di lusso come Francesco Bagnaia (7° con la Ducati Pramac) e Miguel Oliveira (8° con la KTM Tech 3), entrambi al miglior risultato stagionale. Un risultato preziosissimo soprattutto per Pecco, che era reduce da cinque "zeri" nelle ultime sette gare.


È stata una gara tutto sommato positiva per le Yamaha, che arrivavano in Austria convinte di dover soffrire molto per la differenza di motore con Honda e Ducati: Quartararo è partito fortissimo dalla seconda casella, ma è stato presto risucchiato alle spalle della coppia di testa, riuscendo comunque a difendere il terzo gradino del podio e, soprattutto, regolando entrambe le M1 ufficiali. Un risultato strepitoso, soprattutto considerando il 10° posto del compagno di team Morbidelli. Valentino Rossi ha chiuso al 4° posto, tenendo a bada nel finale Vinales e la Suzuki di Rins. Per il Dottore si tratta del miglior risultato dal podio di Austin, ma la buona competitività di inizio stagione continua a essere un lontano ricordo.

Ennesimo fine settimana complicato per l'Aprilia: Aleix Espargaro ha centrato l'ingresso in zona punti (grazie anche alle 5 cadute di chi gli stava davanti), mentre Andrea Iannone non è andato oltre il 16° posto.

 

L'ORDINE D'ARRIVO

CALENDARIO E CLASSIFICHE

IL SONDAGGIO: DOVI DI NUOVO IN CORSA PER IL TITOLO?

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments