MOTOGP AUSTRIA

MotoGP Austria: Martìn fenomenale, pole bis a Spielberg con la Pramac

Altra pole e altro record per "Martìnator" con la Desmosedici del team Ducati Pramac

di
  • A
  • A
  • A

Jorge Martìn conquista l'ennesima pole position al Red Bull Ring. Nel weekend bis a Spielberg, dove la MotoGP correrà per il GP d'Austria, lo spagnolo conquista il primo posto in griglia di partenza registrando il nuovo record della pista in 1:22.643 davanti a Fabio Quartararo, di soli 34 millesimi, e Francesco Bagnaia. Valentino Rossi, fermo al Q1, partirà 18°.

Getty Images

Martìnator si ripete, per il secondo fine settimana di fila. Un'altra pole e un altro record della pista al Red Bull Ring per il rookie del team Pramac, che gara dopo gara prende sempre più le misure della MotoGP. Dopo la pole e il successo nel GP di Stiria di sei giorni fa, Martìn vuole riprovarci e conquistare una vittoria back to back a Spielberg confermando lo strapotere nella pista che da sempre porta la firma dei motori Ducati. Un record del circuito trovato da un debuttante che tanto rookie sembra non essere stato in qualifica, con l'opportunismo di chi è partito dal Q1 e ha trovato difficoltà in giornata e ha registrato l'"all time lap record" grazie alla scia.

Amaro in bocca per Fabio Quartararo, leader del mondiale che per soli 34 millesimi vede sfumare un'altra pole. La scia fa tanto, ma nel caso del "Diablo" è un limite imposto dai piloti avversari che hanno seguito la YZR-M1 costretta a staccate forti e barcamenarsi nel traffico. E' comunque prima fila per il francese, che al suo fianco troverà un Pecco Bagnaia in gran spolvero rispetto allo scorso weekend, con la speranza che il finale sia migliore. L'italiano, in sella a una Ducati che non delude le aspettative, ha trovato però nuovi problemi con le gomme soft che, fortunatamente, hanno portato comunque a un tempo di rilievo.

La seconda fila è anche di marca Ducati, con Zarco quarto e Miller sesto divisi solo dalla Honda di Marc Marquez. In top 10 anche Mir, Aleix Espargarò, Oliveira e Binder. A chiudere la quarta fila sono poi Pol Espargarò e Takaaki Nakagami.

Non è riuscito a passare il taglio per il Q2 per appena 105 millesimi Alex Rins, costretto con la sua Suzuki a partire dalla quinta fila al fianco della Honda di Alex Marquez e la Ducati del team Esponsorama di Enea Bastianini. Dietro di loro Lecuona che apre la sesta fila occupata da altri due italiani, Luca Marini e Valentino Rossi. Nonostante i buoni propositi al termine della terza sessione di libere del mattino, il “Dottore” manca di oltre mezzo secondo il tempo di Oliveira che avevo ottenuto l’ultimo posto per conquistare il pass per la sessione della pole. Rossi sarà dunque costretto a partire dalla casella numero 18 in griglia, davanti al connazionale Danilo Petrucci e al collega di box Cal Crutchlow.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments