MOTO2 ITALIA

Moto2 Italia: Acosta centra il primo successo, Vietti ko e Ogura lo aggancia

Lo spagnolo conquista il successo al Mugello davanti Roberts e Ogura, beffa per Vietti

  • A
  • A
  • A

La Moto2 fa la conoscenza del "rookie maravilla" Pedro Acosta, che nel GP d'Italia al Mugello vince per la prima volta in categoria. Il pilota spagnolo, iridato in Moto3, precede sul traguardo Roberts e Ogura, col giapponese che aggancia in testa nel mondiale l'italiano Vietti. Per il pilota del team Mooney VR46 la beffa a pochi giri dal termine, col motore che si rompe e lo costringe al ritiro quando era terzo.

© Getty Images

Dopo l'anno trionfale in Moto3, Pedro Acosta comincia a prendere confidenza anche con la KTM della Moto2 e al Mugello, dove la scorsa stagione aveva chiuso ottavo, conquista il successo in solitaria. Grande soddisfazione nel box per il "rookie maravilla" che a ogni gara si migliora e comincia a lottare con i "grandi". Lo spagnolo, che in questo avvio di stagione è stato protagonista di molte cadute e tante sbavature, fugge già in avvio di gara e complici le cadute di Canet e il ritiro di Vietti, conquista un successo più che meritato.

Dietro al "Tiburon" si piazzano Roberts e Ogura, col giapponese del team Honda che conquista un terzo posto importantissimo per la classifica mondiale. Con i punti ottenuti al Mugello, infatti, arriva l'aggancio in testa a Celestino Vietti, che va via dal GP d'Italia con tanta delusione e con una Kalex del team Mooney VR46 che lo tradisce. A sei giri dal termine, infatti, la due ruote dell'italiano ha tirato un brutto scherzo spegnendosi proprio sul più bello, con Cele costretto al ritiro mentre si trovava a lottare per il podio.

In top 10 anche Arbolino, nonostante il long lap per l'incidente con il compagno di box Lowes, Fernandez, Dixon, Beaubier, Lopez, Schrotter e Arenas. A punti, oltre a Bendsneyder, Navarro, Salac e Aldeguer anche l'italiano Mattia Pasini, tornato in sella come wild card a due anni dall'ultima partecipazione nel mondiale.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti