Palermo, si è dimesso Corini

Ora la palla passa a Zamparini: Ballardini non convinto, spunta Diego Lopez

  • A
  • A
  • A

Eugenio Corini non è più l'allenatore del Palermo: il tecnico lombardo, dopo una giornata di riflessione, ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni. Decisione irrevocabile, pre-annunciata domenica pomeriggio dopo il ko contro l'Inter. La società, attraverso il ds Nicola Salerno, aveva chiesto a Corini di prendere tempo, oggi però la comunicazione al presidente Zamparini che ora, incassato il no di Ballardini, sta pensandoa Diego Lopez.

Dopo sette partite si chiude così la parentesi Corini sulla panchina del Palermo: subentrato a inizio dicembre a De Zerbi, il tecnico di Bagnolo Mella ha collezionato 4 punti, frutto di una vittoria (a Genova contro il Genoa), un pareggio (con il Pescara) e cinque sconfitte. Decisiva a conti fatti quella di domenica contro l'Inter: al termine del match, dopo una settimana comunque no facile, le sue parole avevano lasciato presagire l'eventualità delle dimissioni, arrivate poi puntuali stamani.

"Penso sia la scelta più giusta e logica" ha dichiarato lo stesso Corini. "Decisione difficile e dolorosa ma presa con lucidità. Sapete tutti cosa penso di questa società e questa piazza. La mia stima per loro non terminerà certo per come è finita questa esperienza".

Con soli 10 punti in classifica, i rosanero sono già virtualmente condannati alla retrocessione assieme a Crotone e Pescara: dopo il no di Ballardini, il compito non certo agevole di condurre la squadra nei prossimi 4 mesi di campionato potrebbe a questo punto toccare all'ex giocatore e tecnico del Cagliari Diego Lopez. La palla passa ora al presidente Zamparini.

"Mi è dispiaciuto per la scelta di Corini, si era instaurato un buon rapporto. Corini è una persona seria, in questi pochi giorni ho visto comunque che ha ottime qualità". Lo ha detto il direttore sportivo del Palermo, Nicola Salerno, commentando le dimissioni del tecnico rosanero. Proprio la settimana scorsa era stato Salerno a convincere il presidente Maurizio Zamparini a rinnovare la fiducia all'allenatore. "Lui avrebbe voluto un lavoro finalizzato anche in prospettiva - ha spiegato - ma in questo momento nessuno può dare garanzie sul futuro. Ci sono altri problemi da risolvere, anche perché non abbiamo ancora alzato bandiera bianca". Bisogna adesso mettersi al lavoro per trovar eun nuovo tecnico. "Ballardini probabilmente non è convinto della situazione" ha proseguito. "Il Palermo ha iniziato male, ma a volte qualche risultato dà la svolta. Abbiamo fatto una buona gara con l'Inter, ma c'é stata questa disattenzione difensiva in area, c'era anche un rigore per noi".

"Non abbiamo ancora scelto nessuno". Maurizio Zamparini frena in merito all'ingaggio di Diego Lopez per la panchina del Palermo, ma ammette: "Sta arrivando in Italia: lo incontreremo e decideremo. E' la scelta preferita del nostro direttore Salerno e io devo conoscerlo". Il presidente è convinto che "la squadra possa ancora salvarsi, certamente non ero contento del gioco". Qualche parola anche sul dimissionario Eugenio Corini: "Era un compito molto difficile - ha osservato Zamparini - non è facile arrivare nella sua situazione. Corini non è riuscito a cambiare la mentalità della squadra".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments