In Spagna: Huguain, sì al Chelsea

Sarebbe imminente il passaggio dell'attaccante dal Milan alla Premier League, con il benestare della Juve

  • A
  • A
  • A

Alla fine Gonzalo Higuain e Maurizio Sarri torneranno a lavorare insieme, come avevano sempre sperato. E lo faranno subito. Almeno secondo quanto scrive "Marca". In Spagna, infatti, danno per fatto il passaggio del Pipita al Chelsea in questa sessione di mercato. L'attaccante argentino avrebbe detto "sì" alla proposta dei Blues, che hanno così ceduto alle richieste del proprio allenatore, deciso a riavere il "suo" attaccante principe.

Dentro Higuian, fuori Alvaro Morata, sempre più escluso dal progetto Chelsea e pronto a tornare nella Liga, questa volta con la maglia del Siviglia. L'approdo di "Golzalo" in Premier League andrebbe in porto con il benestare della Juve, detentrice del suo cartellino, che incasserebbe subito i soldi previsti dal diritto di riscatto (36 milioni di euro anche se dall'Inghilterra ne potrebbero arrivare 40), che il Milan oggi non sarebbe troppo intenzionato a far valere. Almeno a giudicare dalle pesanti parole rilasciate da Leonardo proprio nei confronti di Higuain. Come se già sapesse che il 31enne nato a Brest fosse arrivato al capolinea. Insomma, sembra finita l'avventura rossonera, e a questo punto italiana, del recordman di gol in Serie A.

Se fosse davvero così, alla fine sarebbero tutti contenti: Sarri avrebbe il suo attaccante, la Juve i suoi soldi e il Milan si libererebbe di un giocatore mai veramente amato e troppo ingombrante dal punto di vista economico.

In realtà, a Milanello non sono del tutto convinti di lasciar partire il giocatore già adesso. Esclusivamente perché bisognerebbe sostituirlo al volo e non sarebbe una cosa agevole. A meno che nell'operazione non entri in scena proprio quel Morata, che coronerebbe così il suo sogno (mai nascosto) di tornare in Italia. L'alternativa, decisamente più complicata, è quella di provare ad anticipare i tempi per Piatek, ma non sarà facile convincere Preziosi e il Genoa.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments