Real: niente rinnovo per Modric, un altro assist per l'Inter

Florentino Perez ha varato un piano di rinnovi che non prevede il croato: a gennaio nuovo assalto

di
  • A
  • A
  • A

Florentino Perez ha fatto partire in questi giorni un piano che dovrà portare ai rinnovi contrattuali di tutti i principali giocatori della rosa. Tutti convocati, anzi no. Tra i nomi scritti sull'agenda del presidente ce n'è uno che brilla per la sua assenza: quello di Luka Modric. Nel salotto della Casa Blanca stanno pensando seriamente che non sarebbe una buona idea legarsi a lunga scadenza con un giocatore che veleggia verso i 34 anni e che quindi può essere considerato sul viale del tramonto, almeno dal punto di vista della carta d'identità. Vladica Lemic, procuratore del giocatore, ha tentato in questi gironi di mettersi in contatto con i dirigenti più vicini a Perez, ma gli è stato risposto che non sono in programma variazioni sul suo assistito. Modric nel 2016 ha firmato un nuovo accordo fino al 2020 con uno stipendio di 8 milioni netti e se resterà dovrà tenersi quello. Ma è chiaro che questa decisione di Florentino può essere un implicito invito a trovarsi una nuova collocazione. 

Un assist per l'Inter, questo è certo. Con l'arrivo di Marotta al timone delle operazioni, la trattativa può prendere un'ulteriore accelerazione. I rapporti tra l'amministratore delegato in pectore e la dirigenza del Real sono buoni. Va trovata la chiave giusta, perché l'Inter punta a versare una cifra molto vicina allo zero per ottenere la "liberazione" del croato dal suo vincolo attuale. Da ricordare che in estate l'Inter aveva proposto a Modric un contratto di 4 anni a 10 milioni netti l'anno, con l'ulteriore garanzia di un "paracadute" in Cina, allo Jangsu Suning, in caso di separazione anticipata dai colori nerazzurri per motivi tecnici. La trattativa estiva era stata portata avanti con la mediazione dell'agente Giuseppe Riso, che ha tentato fino all'ultima ora di chiudere a favore di Spalletti e dei colori nerazzurri. 

C'è poi un altro indizio che arriva da Madrid. Il Real sta pensando di fare un investimento elevato su un centrocampista che con caratteristiche diverse può prendere il posto di Modric, anche con doti di leadership che potrebbero fare molto comodo al Bernabeu. Si tratta di Christian Eriksen, 26 anni, danese del Tottenham. Piace molto anche al Paris Saint Germain ma non bisogna dimenticare che il Real ha ancora i 100 milioni incassati per Ronaldo e quindi può permettersi qualche affare importante. La valutazione è di 80 milioni e l'insistenza su di lui potrebbe anche indicare che Mauricio Pochettino è un candidato autorevole alla panchina Real per il futuro. Sta per cadere anche la candidatura di Neymar: fonti interne al Real fanno capire che non ci sarà un seguito ai tentativi recenti, mentre sta diventando serissima la possibilità di rivedere il brasiliano al Barcellona.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments