SUPERMARIO IN A

Brescia, Balotelli ufficiale: "Finalmente torno nella mia città"

L'attaccante ha firmato un contratto pluriennale. Per vederlo bisognerà aspettare la Juve: dovrà scontare quattro turni di squalifica

di
  • A
  • A
  • A

E' ufficiale: Mario Balotelli è un giocatore del Brescia. Lo ha annunciato il club biancoazzurro con un comunicato: per SuperMario contratto pluriennale. . Domani la presentazione ufficiale alle 16.45 nella sede del Brescia in via Ferramola. "Finalmente torno nella mia città. Brescia ci sono", ha scritto Balotelli in un post su Instagram con tanto di video con le sue tante maglie in carriera e i suoi gol. Salvare il Brescia per salvare sé stesso. Ma anche salvare sé stesso per salvare il Brescia. Giratela come volete, ma è questa, a 29 anni, la nuova missione di Balotelli. Alla fine niente Flamengo e niente Brasile, la nazione in cui di fatto si è interrotta la sua storia con la Nazionale ai Mondiali di cinque anni fa: con un messaggio in portoghese su Instagram ha ringraziato i tifosi del club rossonero per i messaggi di affetto ricevuti nei giorni delle trattative. Ma alla fine ha scelto l'Italia.  

"Mario torna a casa" - si legge nella nota del Brescia - Il ritorno in Italia, a distanza di tre anni, è stato reso possibile dalla determinazione e dall'entusiasmo di Mario di
voler tornare a Brescia, citta' dove è cresciuto e dove fin da bambino si e' distinto per le sue doti fisiche e tecniche",

Adesso, nell’anno che porta a Euro 2020, SuperMario ha deciso di tornare alle origini per provare a riprendersi quella maglia azzurra riassaggiata per sole tre partite con Roberto Mancini. Lo farà a Brescia, la città in cui è cresciuto e che lo aspetta e lo acclama ormai da giorni. E in quest’ennesimo nuovo capitolo della vita di Mario ecco che anche la tempistica dell’annuncio ufficiale diventa materiale da romanzo, con la scaramanzia di Massimo Cellino protagonista assoluta.

Due anni fa il presidente scelse di posticipare la sua prima conferenza stampa al 18 agosto, per evitare il 17. Ora accade la stessa cosa con Balotelli: silenzio assoluto il 17, nonostante una trattativa già chiusa, e annuncio il 18. Mario sulla schiena ritroverà invece il 45 che non indossava dai tempi del Milan e che aveva sfoggiato per la prima volta all’Inter.

Per vederlo con la sua nuova maglia però bisognerà aspettare la 5ª giornata per via dei 4 turni di squalifica rimediati nell’ultima gara di Ligue 1 con il Marsiglia. Sarà la Juventus allora il suo primo avversario della sua nuova era a Brescia. Proprio ai bianconeri Balotelli segnò la doppietta con cui si presentò all’Italia 11 anni fa. “Un 17enne lancia l’Inter a Torino”, scrivevano di lui.

Quel 17 che non piacerà agli scaramantici come il presidente Cellino, ma in fondo l’unica cosa che conta è salvare il Brescia. Mario ce l’ha scritto pure nel contratto: se salva le Rondinelle, rinnovo automatico e altri due anni in quella che è di nuovo casa sua. E allora non gli resta che cominciare. A salvare il Brescia, a salvare sé stesso e magari a riconquistare la maglia azzurra.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments