FORMULA E NEW YORK GARA-UNO

Gara-uno a NY: Guenther batte i veterani Vergne e Di Grassi. Frijns (5.) raggiunge Mortara (14.)  in testa alla generale

Il piIota tedesco di BMW Andretti si aggiudica il successo nel primo dei due round del Mondiale elettrico del New York E-Prix.

di
  • A
  • A
  • A

Max Guenther approfitta dell'attacco da kamikaze di Jean-Eric Vergne su Nick Cassidy (che era scattato dalla pole) per infilare entrambi ed andare a vincere gara-uno a New York (e Round 10 del Mondiale elettrico) in... scioltezza davanti allo stesso Vergne e ad un altro pilota di grande  esperienza come Lucas Di Grassi. Quarto e quinto posto per il poleman Cassidy (in testa per buona parte della gara) davanti al compagno di squadra Robin Frijns che chiude quinto una prova iniziata dalla sesta fila ed aggancia Edoardo Mortara in vetta alla classifica pilotia quota 72 punti.

Nono vincitore in dieci gare per il Mondiale di Formula E che sul circuito realizzato nel Brooklyn Cruise Terminal incorona Max Guenther. Il pilota tedesco di Oberstdorf, (in Baviera) regala al team BMW Andretti la vittoria sulle strade del quartiere periferico di Red Hook. Sempre molto attento alle spalle dei due mattatori della prima parte della gara stessa - Nick Cassidy e Jean-Eric Vergne - Guenther ha così fatto in modo di trovarsi al posto giusto nel momento giusto, vale a dire quando "JEV" è andato all'arrembaggio della Envision Racing del neozelandese. Contatto inevitabile tra i due e via libera per Max (un nome di battesimo che sta per successo in questo 2021, pensando alla Formula Uno...) verso il primo posto sotto la bandiera a scacchi ed il dodicesimo della classifica generale. Con lui sul podio... la storia stessa della Formuls E, con lo stesso Vergne  e Lucas Di Grassi, quest'ultimo autore di una prova che lo porta dalla quarta fila appunto al terzo posto finale. Vergne invece fa un grean balzo dal decimo al terzo posto con 69 punti, solo quattro i  meno del duo Mortara-Frijns, quindi di nuovo in piena caccia per il suo terzo titotlo.

Al sorprendente Cassidy - comunque bravo a reggere il fiato sul collo di JEV per una buona mezz'ora di gara - non resta che meditare vendetta (sportiva, s'intende) per la replica domenicale dell'E-Prix  a stelle e strisce. Il neozelandese riesce comunque a precedere sul traguardo il compagno di squadra Robin Frijns che però come detto - grazie al quinto posto - raggiunge Edoardo Mortara (che non aggiunge punti al suo total score) al comando della classifica. Per lo svizzero del team Venturi una prestazione incolore e nettamente al di sotto delle attese, iniziata dall'ultima fila della griglia dopo il grave errore commesso in qualifica, quando aveva inavvertitamente tolto potenza alla sua monoposto, con il risultato di finire in coda al gruppo.

Buona, anche se inferiore alle premesse, la prestazione di Sebastien Buemi e di Oliver Rowland, sesto e settimo per Nissan e.dams. Perdono terreno rispetto al vertice della classifica generale anche Antonio Felix Da Costa, René Rast e Mitch Evans. Il campione in carica (dodicesimo)   ed il neozelandese  (costretto al ritiro dalla sua Jaguar) rimangono fermi a quota 60  e così il tedesco Rast abbandona la loro compagnia ma... non va molto più lontano, salendo a quota 61 con il punticino del decimo posto.

Poca fortuna anche per Porsche (André Lotterer chiude ottavo in rimonta, Pascal Wehrlein ko dopo aver centrato l'incolpevole Alex Lynn) e per Mercedes (13esimo Nyck De Vries, ritirato Stoffel Vandoorne). In testa alla classifica Costruttori c'è ora DS Techeetah con 128 punti, quattro in più di Envision Virgin Racing, seguite da Audi Sport (115) .

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments