GP PORTOGALLO F.1 PROVE UFFICIALI

Prima fila tutta Mercedes a Portimao: Hamilton spezza il sogno di Bottas: Ferrari ok con  Leclerc

Pole position all'ultimo respiro per Lewis Hamilton a Portimao e prima fila tutta Mercedes con Bottas. Ferrari al via in seconda fila con Leclerc

di
  • A
  • A
  • A

Dopo tre turni di prove libere davanti a tutti, Valtteri Bottas deve inchinarsi a Lewis Hamilton che lo batte per 102 millesimi nella caccia alla pole position del GP del Portogallo. Charles Leclerc si conferma e porta la Ferrari in seconda fila con il quarto tempo a 438 millesimi da Hamilton. A dividere il monegasco dalle Mercedes Max Verstappen che sfiora la prima fila e chiude le qualifiche a 252 millesimi dalla pole. Si ferma al Q2 la qualifica di Sebastian Vettel che prenderà il via dall'ottava fila (15esimo tempo).

Ha fatto più... fatica del solito ma Lewis Hamilton alla fine ha messo al sicuro la pole position numero 97 della carriera e tutto lascia intendere che il sei volte campione del mondo sarà in grado di andare in doppia cifra entro la fine dell'anno. Prima però ci sarà da gestire in gara rappresentata dalla minaccia interna rappresentata dal proprio compagno di squadra. Più veloce di Lewis nei tre turni di prove libere, Valtteri Bottas è stato battuto sul filo di lana delle qualifiche e per soli 102 millesimi di secondo. Dal pronostico per la vittoria non si può escludere neppure Max Verstappen che, dopo essere riuscito ad inserirsi brevemente al secondo posto della classifica, deve rassegnarsi al solito ruolo di terzo incomodo ma punta deciso ad uno dei gradini del podio e magari a rovinare i progetti di doppietta della Mercedes, come il pilota olandese è più volte riuscito a fare quest'anno. A fianco di Verstappen scatterà Charles Leclerc che ha chiuso le qualifiche con il quarto tempo, appunto, a 438 millesimi dalla pole position.

Anche se con il solo Leclerc, la Ferrar ha confermato a Portimao i recenti passi avanti in qualifica, da ribadire ora sulla distanza. McLaren, Racing Point e Renault sono alle spalle della SF1000 numero 16. Sergio Perez (con la migliore delle Mercedes... rosa, Stroll è dodicesimo) e Alexander Albon (con l'altra Red Bull) si dividono la terza fila, Carlos Sainz e Lando Norris fanno della quarta un piccolo feudo McLaren, con Pierre Gasly (Alpha Tauri) e Daniel Ricciardo (Renault) a completare la top ten delle qualifiche. Performance non del tutto soddisfacente per il francese che era stato quarto nelle libere del mattino (ma il compagno di squadra Kvyat è solo 13esimo in griglia), decisamente deludente per l'australiano (reduce dal podio del Nuerburgring) che ha battuto di soli 133 millesimi il compagno di squadra Ocon.

Per trovare la seconda Ferrari bisogna scendere fino all'ottava fila che Sebastian Vettel divide con una altro veterano della F.1: Kimi Raikkonen. Per il quattro volte campione del mondo, a sei GP dal termine della sua militanza ferrarista, un sabato poco brillante (ed in linea con il resto della stagione) nel quale Seb si è fatto notare più che altro per l'episodio che ha ritardato il via delle qualifiche. Al passaggio delle ruote della Rossa numero 5 (fuori traiettoria) sul bordo esterno della curva 14,  un elemento della griglia di drenaggio è uscito dalla propria sede. Le operazioni per risistemarlo (ed i relativi controlli lungo il resto del tracciato) hanno fatto appunto slittare di trenta minuti l'inizio delle prove ufficiali. Fin qui peraltro questo è stato l'unico inconveniente - però grave - portato allo scoperto (nel vero senso della parola!) dal debutto del Mondiale di Formula Uno sull'Autodromo Internazionale dell'Algarve.

Non va oltre il 17esimo tempo Antonio Giovinazzi con l'altra Alfa Romeo. Sia l'italiano che Iceman hanno praticamente "blindato" la loro permanenza nel team per il 2021, mentre è giunta ai titoli di coda l'esperienza nel team Haas (e probabilmente nel Mondiale, almeno per ora) di Romain Grosjean e di Kevin Magnussen che seguono Giovinazzi nella classifica dei tempi, lasciando il ruolo di fanalino di coda a Nicholas Latifi. A parità di... Williams, il canadese "rende" un secondo pieno a George Russell  che manda in  visibilio il proprio team qualificandosi per il Q2 ed assicurandosi alla fine un posto in settima fila, davanti a Vettel! A rischiare il posto in Williams (e la permanenza in F.1, visti i tempi che corrono) è però proprio il talentuoso pilota di King's Lynn, non certo il suo facoltoso compagno di squadra...

 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments