F1 Messico, le Red Bull spaventano tutti nelle Libere 2

Verstappen vola, Ferrari e Mercedes si prendono distacchi importanti: 4° Vettel, 7° Hamilton

di DANIELE PEZZINI

Max Verstappen e la Red Bull continuano a volare e stampano il miglior tempo anche nella seconda sessione di libere del GP del Messico. L'olandese ha dominato girando in 1'16''720 e tenendosi dietro il compagno di team Ricciardo (+ 0''153). Abissali i distacchi degli altri big: Vettel con la Ferrari 4° a + 1''234, Hamilton con la Mercedes 7° a + 1''380, tutti a parità di mescola. Addirittura 8° e 9° tempo per Raikkonen e Bottas.

Le monoposto a 2000 metri

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 11
Foto 12
Foto 13
Foto 14
Foto 15
Foto 16
Foto 17
Foto 18
Foto 19
Foto 20
Foto 21
Foto 22
Foto 23
Foto 24
Foto 25
Foto 26
Foto 27
Foto 28
Foto 29
Foto 30
Foto 31
Foto 32
Foto 33
Foto 34
Foto 35
Foto 36
Foto 37
Foto 38
Foto 39
Foto 40
Foto 41
Foto 42
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42

Venerdì di libere in Messico: Hamilton vicino al titolo

Un venerdì tutt'altro che ordinario, che ha restituito delle gerarchie totalmente imprevedibili alla vigilia del weekend messicano. Le Red Bull di Verstappen e Ricciardo volano, Ferrari e Mercedes arrancano e a fare la voce grossa nelle primissime posizioni compaiono a sorpresa anche le Renault. Una classifica dei tempi mai vista prima, che può far pensare a una qualifica davvero spettacolare, al netto delle mappature di motore decisamente più spinte che Rosse e Frecce d'Argento sfodereranno in qualifica.

I tempi della FP2, anche a causa del gran caldo, sono stati nel complesso più alti di quelli della mattinata, ma ciò che ha veramente stupito sono stati i distacchi: Vettel si è preso un secondo e due, chiudendo alle spalle della Renault di Sainz (anche se solo per un millesimo), Hamilton quasi un secondo e quattro, accodandosi a quella di Hulkenberg e persino alla Toro Rosso di un ispirato Hartley. Il britannico ha chiuso il venerdì in settima piazza, esattamente il risultato che gli basterebbe in gara per laurearsi campione del mondo per la quinta volta.

Red Bull devastante in assetto da qualifica, dunque, ma anche in fase di simulazione del passo gara i due "torelli" hanno ben impressionato, dimostrando di saper conservare meglio le hypersoft rispetto alle scuderie rivali, che hanno sofferto molto con la gomma più morbida. Decisamente più livellate le prestazioni con supersoft, che a questo punto può diventare preziosissima per Ferrari e Mercedes nell'ottica di una gara che si preannuncia tiratissima. L'unico grattacapo per la scuderia austriaca è arrivato proprio a fine turno, con la monoposto di Verstappen che si è improvvisamente spenta lasciando supporre un problema elettrico che non dovrebbe causare guai per il sabato.

TAGS:
Formula 1
Messico
Libere

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X