DOPO LE POLEMICHE

Formula 1, Leclerc agli altri team: "Dovreste fidarvi della FIA"

Il monegasco sull'accordo che ha fatto infuriare gli altri team: "Comprensibile che non spieghino tutto"

  • A
  • A
  • A

La Formula 1 è ferma almeno fino maggio a causa dell'emergenza coronavirus, ma non si placano le discussioni attorno all'accordo tra la FIA e la Ferrari riguardante la power unit 2019. Sulla lettera congiunta dei team non motorizzati da Maranello, che chiedeva spiegazioni alla Federazione, è intervenuto anche Charles Leclerc, in un'intervista a Motorsport.com: "Mi fido completamente del mio team, questo è certo - ha detto il monegasco - Mi fido della Fia, credo che tutto sia andato bene. Per me è una questione finita e guardo al futuro. Anche gli altri team dovrebbero fidarsi della FIA, sa fare il suo lavoro. Penso sia pienamente comprensibile che non spieghino assolutamente tutto, perché anche per noi dietro c'è molto lavoro fatto su tutte le componenti".

Poco prima della fine dei test di Barcellona la FIA aveva annunciato di aver raggiunto un accordo privato col team italiano in merito ai dubbi emersi nel finale di stagione sulla regolarità del motore Ferrari. Un comunicato un po' fumoso, che aveva fatto montare una protesta guidata dalla Mercedes, la quale chiedeva maggior chiarezza in merito.

Vedi anche F1, la Mercedes guida la guerra contro Fia e Ferrari Formula 1 F1, la Mercedes guida la guerra contro Fia e Ferrari

Successivamente la FIA aveva ribadito la legittimità dell'accordo, sottolineando come la sua riservatezza fosse prevista dal regolamento. Lo stesso Leclerc ha evidenziato l'importanza di non svelare i dettagli in situazioni come queste: "Rendere tutto pubblico significa rendere pubblico tutto il lavoro fatto dalla squadra. Questo, per quanto mi riguarda, sarebbe inconcepibile", ha detto il monegasco.

Vedi anche F1, la Fia replica alle scuderie: "Accordo legittimo con Ferrari sulle power unit" Formula 1 F1, la Fia replica alle scuderie: "Accordo legittimo con Ferrari sulle power unit"

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments