GP BRASILE

F1, Libere 1 GP Brasile: Albon primo e a muro, Vettel e Leclerc battuti da Bottas

Sotto la pioggia di Interlagos il pilota della Red Bull è il più veloce, ma va a sbattere. Ferrari al 3° e 4° posto, senza tempi Hamilton e Verstappen

  • A
  • A
  • A

Alexander Albon è il più veloce nelle prime libere del Gran Premio del Brasile, condizionate dalla pioggia che si abbatte su Interlagos. Il pilota della Red Bull stampa un tempo di 1:16.142 e poi finisce contro le barriere, facendo concludere la sessione con un paio di minuti di anticipo. Alle sue spalle la Mercedes di Bottas, 2° a +0.551. Seguono Vettel (3° a +0.899) e Leclerc (4° a +1.143) su Ferrari, senza tempi cronometrati Hamilton e Verstappen.

Pioggia battente su San Paolo, e inevitabilmente anche le prime libere di Interlagos sono pesantemente condizionate dalle condizioni meteo, un meteo che riporta alla mente dei tifosi della Ferrari due mondiali persi drammaticamente all'ultima gara proprio qui (quello del 2012 con Fernando Alonso e soprattutto quello del 2008 con l'eroe di casa Felipe Massa). La pioggia va però diminuendo nel corso della sessione, tanto che il tutto si infiamma solo negli ultimi quattro minuti quando i big entrano in pista con gomme intermedie e poi addirittura con quelle da asciutto. A pagarne le conseguenze sono le due Red Bull, con Max Verstappen autore di un testacoda già nella prima chicane e Alexander Albon addirittura a muro all'altezza della curva Junção. Questo permette proprio all'anglo-thailandese di chiudere davanti a tutti, impedendo agli altri di migliorarsi nel momento in cui la pista aveva raggiunto le migliori condizioni della mattinata.

Anche per questo motivo Verstappen (il primo a sbagliare sull'asfalto viscido di Interlagos) e soprattutto Lewis Hamilton rimangono sul fondo della classifica senza nemmeno un tempo valido, al pari di Perez e Grosjean. Mancano quindi i parametri della pista sugli equilibri tra i candidati a vincere la gara paulista, dato che ci si deve accontentare di quanto successo nelle precedenti fasi sotto la pioggia. Una fase che aveva visto in gran spolvero proprio la Ferrari, con Charles Leclerc a lungo primo e Sebastian Vettel in grado di piazzarsi alle sue spalle staccato però di 459 millesimi. In forma anche le Renault, con Hulkenberg e Ricciardo davanti alla McLaren di Sainz. Ma quando si inizia a fare davvero sul serio, il botto di Albon rimanda tutti i faccia a faccia alla sessione pomeridiana, con inizio alle ore 19 italiane. E anche le risposte che in Ferrari attendono dalla nuova ala posteriore, montata sulla vettura di Vettel nelle fasi finali della sessione.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments