PARLANO I PILOTI

F1, Bottas avvisa Hamilton: “Singapore? Spero non si ripeta più”

Il pilota della Mercedes arriva fiducioso al GP di Russia e torna su Singapore: “Frustrato per aver dovuto rallentare? Ormai è passato…”

  • A
  • A
  • A

Nella consueta conferenza stampa della vigilia, Valtteri Bottas ostenta ottimismo in vista del weekend del GP di Sochi, in Russia. “Arrivo con fiducia a questa gara, perché è andata bene in passato”. Poi torna sull’ordine di scuderia impostogli nello scorso fine settimana a Singapore per fare passare Hamilton: “Abbiamo discusso in fabbrica su quell’episodio. Speriamo non si verifichi più”. Raikkonen promette: “Finché sento di poter guidare a questo livello, andrò avanti”.

Niente pause nel Mondiale di Formula 1 che, a una settimana dal Gran Premio di Singapore, riparte in Russia domenica, dove si correrà il sedicesimo GP stagionale sul tracciato di Sochi, costruito intorno al complesso che ha ospitato le Olimpiadi invernali del 2014. Lungo 5853 metri, è composto da 12 curve a destra e 6 a sinistra. Nelle 5 edizioni di Sochi disputate fino ad ora solo un vincitore non si è laureato campione a fine anno: Valtteri Bottas, nel 2017. Ed è proprio il pilota della Mercedes a prendere la parola nella conferenza stampa che introduce il weekend russo. “Mi dà fiducia arrivare a una gara in cui sai che in precedenza è stata una bella pista per te. D’altra parte è un weekend come un altro: ogni anno comunque si riparte da zero, ma certamente con convinzioni forti”. Il finlandese ritorna poi sull’ordine di scuderia impostogli nello scorso fine settimana per fare sorpassare Hamilton e assicura: “Frustrato? Ormai è passato, ma martedì scorso abbiamo discusso i dettaglia in fabbrica, anche se rimangono discorsi interni. Ci sono regole che valgono per entrambi i piloti; speriamo solo non si verifichino ancora”.

Kimi Raikkonen, sull’Alfa Romeo, taglia il traguardo dei 310 Gran Premi disputati in carriera, avvicinandosi sempre di più al primato di Barrichello (326): “Record di longevità? In realtà speravo di finire prima, poi ho ripreso. Ma continuo a divertirmi e finché siamo felici di farlo, continueremo. Finché sento di poter guidare a questo livello, andrò avanti”. Sulla gara: “A Singapore in certi momenti abbiamo provato delle buone sensazioni ma per la nostra macchina non era il circuito migliore per le caratteristiche del tracciato. Credo che qua dovrebbe andare meglio per noi”. Lance Stroll (Racing Point) analizza l’ultimo GP: “Siamo stati competitivi nel precedente weekend, poi ci sono stati problemi tecnici per Perez e anche per me dopo aver toccato il muro nel secondo stint. Ma possiamo attenderci miglioramenti dagli aggiornamenti”. Kevin Magnussen (Haas) vede degli spiragli sulla crescita della macchina: “È un processo evolutivo. Semmai è utile capire cosa è stato sbagliato finora; siamo concentrati su diversi pacchetti. È un po’ frustante perché vorremmo spingere al massimo, ma stiamo concentrando varie energie ed esperimenti sull’anno prossimo”. Infine Daniil Kvyat (Red Bull): “La gara di Singapore non si è messa subito bene per me. A volte capita, ma sono necessarie anche queste esperienze”.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments