SVOLTA VICINA

Spadafora: "Dal 7 ottobre impianti sportivi aperti in percentuale rispetto alla capienza"

"Assieme al Cts l'obiettivo è di non proseguire con un numero secco di spettatori"

  • A
  • A
  • A

Dal ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, arrivano importanti novità sulla possibile riapertura degli stadi ai tifosi. "L'obiettivo, da qui al 7 ottobre quando verrà emanato il nuovo Dpcm, è quello di riaprire gli impianti sportivi in progressione per tutte le competizioni - ha spiegato -. Assieme al Cts l'obiettivo è di non proseguire con un numero secco di spettatori, viste le diverse realtà, ma piuttosto di muoverci nel definire insieme anche alla Conferenza Stato-Regioni una percentuale rispetto alla capienza effettiva degli impianti consentendo l'ingresso di un numero di persone che possa far rispettare le norme, il distanziamento e la gestione dei flussi".

lapresse

Vedi anche Stadi riaperti, Spadafora: "Non solo Serie A, linea unica per tutti i campionati" Calcio Stadi riaperti, Spadafora: "Non solo Serie A, linea unica per tutti i campionati"

"Dobbiamo andare avanti con la stessa attenzione e consapevolezza avuta nei mesi più duri, perché non c'è dubbio che senza tifosi manchi un pezzo fondamentale e la presenza del pubblico è importantissima - ha proseguito il ministro -. Non era possibile nel modo più assoluto aumentare in questa fase il numero di 1000 spettatori perché c'è ancora una situazione complessa, ma comunque si tratta di un'apertura importantissima per le serie minori che vivono di biglietteria".

Vedi anche Per Marotta i mille spettatori non bastano: "Puntiamo a riempire il 40% degli stadi" Calcio Per Marotta i mille spettatori non bastano: "Puntiamo a riempire il 40% degli stadi"

"Stiamo lavorando attraverso Sport e Salute su un piano nazionale unico per il rilancio, la promozione e la valorizzazione dello sport di base", ha continuato Spadafora allargando il discorso nel coso dell'audizione informale di fronte alla VII Commissione della Camera. "Per l'approvazione della Legge delega di riforma dello sport abbiamo tempo fino al 30 novembre - ha aggiunto -. Stiamo facendo un lavoro complesso, ma ora e' il momento di fare una sintesi e una proposta prendendoci le nostre responsabilità, anche perché non esiste una riforma perfetta, condivisa al 100% da tutti". "Abbiamo chiesto a Sport e Salute di non utilizzare le risorse in troppi progetti che non hanno una visione unica - ha proseguito Spadafora -. Serve invece un coordinamento con tutti gli organismi sportivi, le federazioni e gli enti di promozione". "Quest'anno le risorse aggiuntive derivanti dal gettito fiscale non devono essere destinate a tutti gli organismi sportivi, ma va fatta un'analisi di chi ha avuto maggiori danni a causa del Covid - ha concluso il ministro -. Sport e Salute deve occuparsi dello sport di base, come era nelle intenzioni di chi l'ha voluta". 

SILERI: "MILLE SONO POCHI"
"A maggio ero contrario, perché secondo me era troppo presto. Però poi visto l’andamento dei contagi, con numeri sotto controllo, si trattava solo di aspettare. Ora ritengo sia giusta la decisione di riaprire gli stadi, ovviamente non la capienza completa dello stadio”. Così Pierpaolo Sileri, vice-ministro della Salute, intervenuto a Cusano Italia Tv.  “Ritengo però che siano troppo pochi mille posti – aggiunge Sileri -. Io sono per una riapertura graduale degli stadi, che consenta un utilizzo dello stadio con le dovute misure di sicurezza: la distanza, l’uso della mascherina, e con la capienza che può andare via via aumentando. È chiaro che una riapertura totale in questo periodo non potrà esserci”.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments