SAMPDORIA-ATALANTA 0-0

Serie A, Sampdoria-Atalanta 0-0: Ranieri raggiunge il Genoa

Gara da sbadigli quella di Marassi, ma i padroni di casa raccolgono un punto prezioso. Espulso Malinovsky

  • A
  • A
  • A

Terza gara senza sconfitte per la Sampdoria, che dall'arrivo di Ranieri sta risalendo la classifica e con il punto conquistato oggi raggiunge i cugini del Genoa al terz'ultimo posto. Nella 12esima giornata di Serie A i blucerchiati hanno pareggiato 0-0 a Marassi in una gara arida di emozioni contro l'Atalanta, che sale a quota 22 a meno due dal terzo posto di Cagliari e Lazio. 

LA PARTITA
Ranieri torna al 4-4-2, recupera Quagliarella, che fa coppia con Bonazzoli in attacco, ma deve rinunciare a Murillo, al cui posto gioca Ferrari al fianco di Colley. In mediana Vieira vince il duello con Bertolacci per affiancare Ekdal e sulle fasce ci sono Depaoli e Jankto, ancora panchina per Gabbiadini. Gasperini deve fare ancora a meno di Zapata, che rientrerà dopo la sosta, e in attacco sceglie Muriel con Gomez e Malinovskyi alle loro spalle (Ilicic è squalificato due turni). In difesa stringe i denti Toloi, mentre in mediana torna titolare De Roon e sulla fascia destra agisce Castagne con Hateboer dall'altra parte.

Pronti via e l'Atalanta prende subito in mano le redini del gioco facendo possesso palla alla ricerca del varco giusto, mentre la Samp sta attenta soprattutto a non scoprirsi e tiene le linee molto vicine. La prima occasione del match è per Pasalic, che dopo 10' spaventa Audero con un tiro dal limite, i padroni di casa rispondono in contropiede con Jankto, ma poco dopo devono rinunciare a Bonazzoli, che accusa un problema muscolare e lascia il campo (dentro Caprari). I nerazzurri ci provano, ma la squadra di Ranieri è tatticamente perfetta, chiude ogni spazio e mette pressione anche con gli attaccanti, il risultato è che i bergamaschi non sfondano mai e rimpiangono la fisicità di Zapata in avanti. A far decollare la gara ci prova Quagliarella in acrobazia intorno alla mezz'ora, dall'altra parte risponde Toloi, ma sono praticamente le uniche emozioni di un primo tempo piuttosto noioso che si chiude col bell'intervento di Audero sulla punizione di Malinovsky.

La ripresa inizia con gli stessi 22 in campo e con Jankto che ha subito l'occasione buona per il vantaggio ma trova l'opposizione di Gollini in uscita bassa, poi l'Atalanta ricomincia a fare possesso, anche se più sterile del solito, e la partita prosegue sull'equilibrio che ha contraddistinto il primo tempo, con i nerazzurri che però sembrano molto meno sicuri in fase difensiva. Gasperini se ne accorge e prova a dare una scossa ai suoi inserendo Arana al posto di Hateboer e Barrow per uno spento Muriel, i nerazzurri provano ad alzare il ritmo ma continuano a sbattere contro il muro blucerchiato guidato da un ottimo Ferrari. Ranieri richiama in panchina Quagliarella, anche oggi non brillante, e inserisce Ramirez, ma sono gli ospiti a spingere sull'acceleratore e Ferrari rischia il rosso su Barrow. A rimanere in 10 è però poco dopo l'Atalanta, Malinovsky commette l'ennesima ingenuità e si fa cacciare per doppia ammonizione lasciando i suoi in inferiorità numerica (75'). Nel finale Ranieri va alla caccia dei tre punti inserendo anche Bertolacci, ma l'Atalanta non arretra il baricentro, tiene bene il campo e non rischia praticamente nulla fino al triplice fischio. Un punto prezioso per i padroni di casa, che raggiungono il Genoa al terz'ultimo posto, mentre i nerazzurri salgono a quota 22 (a meno due da Cagliari e Lazio aspettando la Roma). 

LE PAGELLE
Ferrari 7 - Gioca al posto dell'acciaccato Murillo e sfodera una grande prestazione: ottima gara in marcatura su Muriel, sempre sicuro, puntuale, si concede anche qualche dribbling per disimpegnare l'azione. 
Quagliarella 5 - La sua astinenza prolungata fa sempre più scalpore, soprattutto considerando la super stagione dello scorso anno. Anche oggi l'ultimo capocannoniere della Serie A non incide a viene sostituito a metà ripresa. 
Jankto 6,5 - Il più pericoloso dei suoi sia nel primo sia nel secondo tempo, copre bene la sua fascia ed è prezioso tatticamente per dare equilibrio al centrocampo di casa.
Gollini 6,5 - Raramente impegnato, si fa sempre trovare prontissimo quando viene chiamato in causa e in apertura di ripresa salva il risultato su Jankto.
Muriel 5 - Soffre maledettamente la marcatura di Ferrari, non riesce mai ad essere incisivo e fa rimpiangere l'assenza forzata di Zapata. Gasperini lo richiama in panchina a inizio ripresa per inserire Barrow. 
Malinovsky 4,5 - Da lui ci si aspetta la qualità per mandare in porta le punte, invece è troppo spesso impreciso, colleziona tante palle perse e si fa anche cacciare per un doppio giallo. L'unico vero pericolo del primo tempo dalle parti di Audero lo porta lui su punizione, ma gioca davvero una gara insufficiente. 

SAMPDORIA-ATALANTA 0-0
SAMPDORIA (4-4-2): Audero 6; Bereszynski 6,5, Colley 6, Ferrari 7, Murru 6; Depaoli 6, Vieira 6 (37'st Bertolacci sv), Ekdal 6, Jankto 6,5; Bonazzoli sv (12' Caprari 6), Quagliarella 5 (25'st Ramirez 6). A disp: Falcone, Augello, Chabot, Murillo, Rigoni, Linetty, Thorsby, Leris, Bertolacci, Ramirez, Caprari, Gabbiadini. All: Ranieri 6,5 
ATALANTA (3-4-1-2): Gollini 6,5; Toloi 6, Palomino 6, Djimisiti 6; Hateboer 5,5 (14'st Arana 6), de Roon 6, Pasalic 5,5, Castagne 5,5; Malinovsky 4,5; Gomez 5,5, Muriel 5 (18'st Barrow 6). A disp: Sportiello, Rossi F., Kjaer, Arana, Gosens, Ibanez, Kjaer, Freuler, Barrow, Traoré Am. Piccoli. All: Gasperini 5,5 
Arbitro: Irrati
Marcatori: -
Ammoniti: Castagne, Malinovsky, Gomez (A), Depaoli (S)
Espulsi: Malinovsky (A)

LE STATISTICHE
Oggi l’Atalanta ha pareggiato la sua 300ª trasferta in Serie A.
La Sampdoria rimane l'unica squadra dei Top-5 campionati europei senza alcun gol segnato nei primi tempi di questa stagione.
La Sampdoria ha segnato sette gol nelle prime 12 partite di Serie A, record negativo per i liguri a questo punto della competizione dalla stagione 1975/76 (sei reti).
La Sampdoria è rimasta imbattuta per tre partite consecutive di campionato per la prima volta dal dicembre 2018.
L'Atalanta è rimasta senza successi per tre partite consecutive per la prima volta in Serie A dall'ottobre 2018.
Per la prima volta dallo scorso aprile, l'Atalanta è rimasta a secco di gol per due gare consecutive di Serie A.
La Sampdoria ha pareggiato tre gare interne di fila in Serie A per la prima volta dal febbraio 2015.
Per la quinta volta in questo campionato la Sampdoria non ha effettuato tiri nello specchio nel primo tempo, più di qualsiasi altra squadra in questo campionato.
Tutti i tre tiri nello specchio dell'Atalanta in questo match sono stati di Ruslan Malinovskiy.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments