ROMA-MILAN 1-2

Serie A, Roma-Milan 1-2: Kessie e Rebic firmano un colpo da Champions

Colpo esterno dei rossoneri con un gol per tempo. Di Veretout la rete per i giallorossi. Out Calhanoglu, Ibrahimovic e Rebic per infortunio

  • A
  • A
  • A

Roma-Milan 1-2 nel posticipo della 24.a giornata di Serie A. Successo importante per i rossoneri di Pioli in uno scontro diretto per la zona Champions, che restano a -4 dall'Inter capolista. Milan in vantaggio al 43' con un calcio di rigore di Kessie dopo una traversa di Kjaer. Il pareggio della Roma arriva al 50' con un destro a giro di Veretout dal limite, ma otto minuti più tardi è di Rebic il diagonale vincente da tre punti.

--

LA PARTITA

Tre punti che possono valere almeno il doppio. Nel momento più difficile e complicato della stagione, il Milan ha estratto l'asso dalla manica andando a conquistare sul campo della Roma una vittoria importantissima, anche alla luce dei punti lasciati sul campo da Lazio e Juventus, restando comunque in scia della vetta dell'Inter. Con sacrificio e dedizione per la causa i rossoneri hanno confermato il limite della Roma di Fonseca negli scontri diretti, lasciando per strada per infortunio Calhanoglu, Ibrahimovic e Rebic, ma trovando nel finale le risorse per contenere l'assalto giallorosso. Il gol su rigore di Kessie e il bel diagonale di Rebic nella ripresa, con il croato migliore in campo, hanno messo la firma su un successo che potrebbe risultare fondamentale nel proseguio del torneo.

All'Olimpico si sono affrontate due squadre reduci dagli impegni in Europa League, ma con uno stato d'animo e una forma - almeno sulla carta - che sembrava propendere tutta dalla parte dei padroni di casa. Il Milan invece li ha sorpresi attaccando fin dal primo minuto e aggredendo altissimo l'avversario, come nei momenti migliori di stagione, cominciando a collezionare occasioni da gol fin dai primi minuti grazie ai palloni recuperati sulla trequarti da Hernandez, Kessie e Calhanoglu. In una di queste Ibrahimovic dopo aver rubato il pallone a Pau Lopez ha sprecato con il tacco, poi sono arrivati i due gol annullati a Tomori e allo stesso svedese per fuorigioco. Nel mezzo almeno quattro interventi decisivi del portiere spagnolo su Rebic e un paio di conclusioni di Ibrahimovic rimpallate dalla difesa. La Roma dal canto proprio ha messo fuori il naso dopo venti minuti buoni in apnea, trovando il gol - annullato - con Mkhitaryan e spaventando Donnarumma con gli inserimenti di Veretout. Nel finale di tempo dopo una traversa colpita da Kjaer, il fallo in area di Fazio su Calabria ha portato al rigore che ha sbloccato il match realizzato con la solita freddezza da Kessie.

Nella ripresa il Milan ha sfiorato subito il gol con un contropiede sprecato dal limite da Hernandez venendo poi punito dall'antica legge del calcio con il pareggio di Veretout, colpevolmente libero al limite dell'area di prendere la mira e battere Donnarumma con un tiro a giro di destro per il decimo gol in campionato. Qui il Milan ha fatto quello sforzo in più rispetto alle ultime uscite. Invece di crollare fisicamente e mentalmente, gli uomini di Pioli hanno saputo reagire e al 58' con l'ennesima palla alta recuperata su rinvio di Pau Lopez, Saelemaekers ha imbeccato Rebic che con un gioco di gambe ha saltato Mancini trovando l'angolino con un diagonale mancini forte e preciso, prima di alzare bandiera bianca qualche minuto più tardi. Nel finale la Roma ha provato ad agguantare il pareggio con almeno tre occasioni da gol, due capitate sui piedi di Mkhitaryan in contropiede, ma anche i rossoneri non hanno sfruttato un paio di buone azioni per calare il tris. 

--

LE PAGELLE

Veretout 7 - Va in doppia cifra di gol come l'ultimo francese a riuscirci, Michel Platini. Non solo, con i suoi inserimenti è sempre l'uomo più pericoloso per la difesa del Milan. Il tiro a giro con cui batte Donnarumma dal limite è da applausi.

Fazio 5 - In difficoltà per tutta la partita, prima mette in difficoltà il proprio portiere con un retropassaggio intuito da Ibrahimovic e poi causa il rigore con un intervento sciocco in area su Calabria.

Spinazzola 6,5 - Dopo un primo tempo in sordina, sale in cattedra nella ripresa. L'apporto offensivo è costante e dà vita a una bella sfida con Calabria.

Ibrahimovic 5,5 - Un problema fisico lo condiziona per tutta la partita, ma è più impreciso del solito vanificando - vuoi per disattenzione sul fuorigioco, vuoi per eccessiva sicurezza come nel colpo di tacco davanti al portiere - diverse occasioni da gol.

Rebic 7,5 - Il gol che si crea con un bel movimento su Mancini e conclusione precisa in diagonale è la ciliegina su una prestazione da spina nel fianco costante per i giallorossi. Per quanto crea, conclude anche meno del possibile.

Tomori 7 - Pressoché perfetto in fase difensiva, non si fa mai sorprendere alle spalle e in un paio di interventi è decisivo. Anche in attacco si fa vedere con un paio di conclusioni.

--

IL TABELLINO

ROMA-MILAN 1-2
Roma (3-4-2-1):
Lopez 5,5; Mancini 5,5, Cristante 6, Fazio 5 (17' st Bruno Peres 5); Karsdorp 5, Villar 5 (25' st El Shaarawy 6), Veretout 7 (34' st Diawara sv), Spinazzola 6,5; Pellegrini 5,5, Mkhitaryan 6; Mayoral 5 (34' st Pedro sv). A disp.: Mirante, Fuzato, Juan Jesus, Kumbulla, Perez, Pastore. All.: Fonseca 5.
Milan (4-2-3-1): G. Donnarumma 6,5; Calabria 6,5, Tomori 7, Kjaer 6,5, Hernandez 7; Tonali 6,5 (38' st Meite sv), Kessie 7; Saelemaekers 6,5 (38' st Castillejo sv), Calhanoglu 5,5 (1' st Diaz 5,5), Rebic 7,5 (22' st Krunic 6,5); Ibrahimovic 5,5 (11' st Leao 6). A disp.: Tatarusanu, A. Donnarumma, Dalot, Romagnoli, Kalulu, Gabbia, Hauge. All.: Pioli 6,5.
Arbitro: Guida
Marcatori: 43' rig. Kessie (M), 5' st Veretout (R), 13' st Rebic (M)
Ammoniti: Fazio, Mkhitaryan, Pellegrini (R); Saelemaekers, Calabria, Castillejo (M)
Espulsi: nessuno
--

LE STATISTICHE DI OPTA

Il Milan ha vinto 13 delle prime 19 trasferte stagionali considerando tutte le competizioni (4N, 2P): nella loro storia, i rossoneri hanno impiegato meno gare per arrivare a 13 successi esterni solo nel 1992/93, con Fabio Capello in panchina (15).
Franck Kessié ha stabilito il proprio record di marcature in Serie A in una singola stagione (otto).
Nessun giocatore ha segnato più reti dal dischetto di Franck Kessié (sette) nei top-5 campionati europei in corso, al pari di Bruno Fernandes, Ben Yedder e Depay.
Primo di Kessié, l'ultimo giocatore del Milan ad aver segnato un gol dal dischetto in casa della Roma in Serie A fu Giampaolo Pazzini nel dicembre 2012.
Il Milan ha ricevuto 15 calci di rigore in questo campionato: da quando Opta raccolgie questo tipo di dato nel 2005/06, solo Lazio (18) e Genoa (16) nello scorso torneo ne hanno ricevuti di più in un singolo torneo.
Il Milan è la squadra che ha colpito più legni in questo campionato (16, il doppio rispetto alla Roma).
Simon Kjaer ha colpito tre legni in questa Serie A: l'unico difensore dei top-5 campionati europei in corso ad averne urtati di più è Lucas Digne dell'Everton.
Ante Rebic è il quarto giocatore del Milan ad aver messo a segno almeno cinque gol in questa Serie A: solo il Napoli (cinque) ne conta di più nel torneo in corso.
Rebic ha segnato quattro gol nelle ultime quattro presenze in Serie A, tanti quanti nelle precedenti 21.
Rafael Leão ha registrato la sua 50a presenza in Serie A.
Alessio Romagnoli ha iniziato un match di Serie A dalla panchina per la prima volta da ottobre 2017 contro il Genoa. Dal suo arrivo al Milan nel 2015/16, questa è solo l'ottava gara di campionato che l'attuale capitano rossonero inizia in panchina.
La Roma ha trovato il gol in cinque delle ultime sei sfide interne di Serie A contro il Milan, unica eccezione nella sconfitta per 0-2 del febbraio 2018.
Jordan Veretout è il secondo centrocampista francese ad andare in doppia cifra di reti in una stagione di Serie A, dopo Michel Platini (nel 1982/83, 1983/84, 1984/85 e 1985/86).
Veretout è il primo centrocampista francese in doppia cifra di gol in una singola stagione nei top campionati europei dal 2018/19, in cui furono ben tre a riuscirci: Pogba, Thauvin e Oudin.
Veretout ha segnato 10 gol in questa Serie A: gli unici due centrocampisti ad aver fatto meglio nei top-5 campionati europei in corso sono Bruno Fernandes (15) e Ilkay Gündogan (11).
Solo Juan Cuadrado (cinque) ha servito più assist di Leonardo Spinazzola (quattro) tra i difensori di questa Serie A.
Spinazzola è ad un solo assist dall’eguagliare il suo record di assist in Serie A in una singola stagione (cinque con l’Atalanta nel 2016/17).

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments