CAGLIARI-JUVENTUS 2-0

Serie A, Cagliari-Juventus 2-0: bianconeri in riserva, CR7 a secco

Il baby Gagliano e Simeone stendono gli uomini di Sarri, il portoghese resta fermo a quota 31 gol in campionato

di
  • A
  • A
  • A

Il Cagliari batte 2-0 la Juventus campione d'Italia nella 37/a giornata di Serie A, ritrovando un successo che mancava da ben 8 giornate. I rossoblù passano in vantaggio dopo 8' grazie al primo gol in campionato del baby Gagliano e trovano il raddoppio nel finale del primo tempo con un gran destro di Simeone. Una Juve stanca e poco incisiva non riesce a reagire e Cristiano Ronaldo resta a secco, fermo a quota 31 gol in campionato contro i 35 di Immobile.

LA PARTITA

La fresca conquista del nono scudetto consecutivo, il gran caldo e i pochissimi stimoli giustificano solo in parte l'ennesima prestazione sottotono della Juventus. Tra poco più di una settimana i bianconeri dovranno segnare almeno due gol al Lione per conquistarsi le Final Eight di Champions League, ma per farlo servirà tutto quello che, anche a Cagliari, di fatto non si è mai visto: ritmo, energia, pressing e intensità si confermano i grandi assenti di questo finale di stagione. I campioni d'Italia creano poche occasioni e si sciolgono troppo facilmente quando gli avversari affondano. Per l'Europa servirà molto, ma molto di più.

Zenga e Sarri scelgono di non stravolgere le rispettive squadre, nonostante il clima da penultimo giorno di scuola che si respira alla Sardegna Arena. Entrambi comunque decidono di dare una chance a un giovane, con il tecnico dei sardi che lancia dal 1' Gagliano (che aveva esordito contro la Lazio) e quello dei bianconeri che sceglie Muratore a centrocampo al fianco di Pjanic e Bentancur.

Sono proprio i due talentini a cercare per primi la conclusione, prima da una parte e poi dall'altra, entrambi senza impensierire il portiere. Al baby rossoblù, tuttavia, bastano 8' per sbloccarsi: la difesa della Juve si schiaccia troppo, permettendo all'ex Mattiello di mettere un cross teso dal fondo, sul quale Gagliano si avventa in scivolata e batte Buffon, complice una dormita di Rugani. La reazione bianconera è piuttosto blanda, fatta di tanto possesso, ma poche vere occasioni. La più clamorosa capita a un paio di minuti dall'intervallo sul destro di Bentancur, ma Cragno risponde d'istinto sul suo palo e salva il risultato. Al secondo affondo di serata, poi, i padroni di casa raddoppiano: sassata dal limite di Simeone (imbeccato da Gagliano) sulla quale Buffon è tutt'altro che impeccabile e palla in rete. Era da quasi tre anni che la Juve non chiudeva un primo tempo sotto di due gol (contro il Genoa, agosto 2017). A riprova del fatto che le fragilità difensive (ben 40 i gol subiti) sono uno dei problemi principali di questa squadra.

Nella ripresa la musica non cambia. Gli uomini di Sarri hanno sempre la palla tra i piedi, ma quasi mai riescono a trovare spazi e giocate. Senza le invenzioni di Dybala la scintilla non si accende e ci si affida perlopiù alle continue conclusioni dalla distanza o ai calci piazzati. Buffon si riscatta parzialmente con un intervento miracoloso su Simeone (che però era in fuorigioco) e al 70' è ancora l'argentino ad andare vicino al 3-0, al termine di un'azione insistita che evidenzia ancora tutti i limiti della retroguardia campione d'Italia. Negli ultimi 20' la Juve prova a rendere meno amara la serata, ma con la testa probabilmente già altrove il gol non arriva. L'ultimo sussulto è un siluro del neoentrato Zanimacchia su cui Cragno si supera. Il Cagliari non solo ritrova i 3 punti dopo 8 turni di digiuno, ma torna anche al successo contro la Juve dopo ben 11 anni.

LE PAGELLE

Gagliano 7,5 - Un esordio da titolare che ricorderà per sempre. Un gol e un assist e la vittoria contro la squadra che da nove stagioni domina la Serie A. Una serata praticamente perfetta.
Simeone 7 - Corona la stagione del riscatto con una grande prova, che va molto oltre il bel gol del 2-0. 
Mattiello 6,5 - In fase difensiva qualcosa va rivisto, ma in avanti è estremamente propositivo, specialmente nel primo tempo. Ha il merito di servire a Gagliano l'assist dell'1-0.

Rugani 5 - Perdersi la marcatura di un esordiente dopo appena 8 minuti di gioco è difficilmente giustificabile. Continua a dare poche garanzie quando è chiamato in causa.
Ronaldo 5,5 - Si intestardisce troppo nelle giocate individuali. La manovra è lenta e i compagni faticano a metterlo in condizione di segnare, ma lui non va oltre le continue conclusioni dalla distanza, quasi sempre ribattute dai difensori.
Muratore 6 - Un paio di belle conclusioni da fuori e un buon lavoro in fase di interdizione. Un esordio nel complesso positivo, in una serata tutt'altro che facile.

IL TABELLINO

Cagliari-Juventus 2-0
Cagliari (3-4-1-2): Cragno 7; Walukievicz 6,5, Ceppitelli 6,5, Klavan 6,5; Faragò 6,5, Ionita 6, Rog 6 (2' st Paloschi 6), Mattiello 6,5; Joao Pedro 6,5 (43' st Pereiro sv); Simeone 7 (39' st Birsa sv), Gagliano 7,5 (1' st Lykogiannis 6).
Allenatore: Zenga 6,5
Juventus (4-3-3): Buffon 5,5; Cuadrado 6, Rugani 5, Bonucci 5,5, Alex Sandro 6; Bentancur 5,5 (31' st Peeters 6), Pjanic 5,5 (16' st Zanimacchia 6), Muratore 6 (16' st Matuidi 6); Bernardeschi 6, Higuain 6 (43' st Olivieri sv), Ronaldo 5,5.
Allenatore: Sarri 5
Arbitro: Ghersini
Marcatori: 8' Gagliano (C), 45' +2 Simeone (C)
Ammoniti: Rog (C), Pjanic (J), Joao Pedro (C)
Espulsi: -

LE STATISTICHE

- Dalla ripresa del campionato a giugno, nessun giocatore ha segnato più gol su azione di Giovanni Simeone in Serie A: sei, come Kevin Lasagna e Duván Zapata.
- Era da novembre 2009 che il Cagliari non vinceva una partita di Serie A contro la Juventus, un 2-0 con Massimiliano Allegri in panchina.
- La Juventus ha stabilito il proprio record di tiri (34) in un incontro di Serie A senza segnare da quando Opta raccoglie questo dato (dal 2004/05).
- La Juventus ha giocato quattro trasferte di Serie A senza trovare il successo (1N, 3P) per la prima volta da maggio 2019, anche in quell’occasione le quattro conclusive della stagione.
- Prima di Luca Gagliano, l’ultimo giocatore a segnare al proprio esordio da titolare in Serie A contro la Juventus è stato Patrik Schick, nell’ottobre 2016 con la Sampdoria.
- Luca Gagliano è il primo giocatore nato negli anni 2000 a segnare con la maglia del Cagliari in Serie A.
- Era dallo scorso settembre (v Brescia) che la Juventus non subiva gol in Serie A nel corso dei primi 15 minuti di gioco.
- Per la prima volta in questo campionato, la Juventus ha schierato cinque italiani dal primo minuto di gioco.
- La Juventus non subiva due gol in un primo tempo di Serie A da agosto 2017 (contro il Genoa).
- Questa è stata la 100ª gara in bianconero per Daniele Rugani, considerando tutte le competizioni.
- Per Federico Bernardeschi si è trattata della 150ª gara in Serie A

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments