LUNCH MATCH

L'Atalanta è incontenibile, ancora una goleada: Cagliari battuto 5-2

Nella partita delle 12,30 i bergamaschi si confermano la squadra più prolifica del campionato sommergendo il Cagliari già nel primo tempo

  • A
  • A
  • A

L'Atalanta ora può davvero sognare. Con un'altra goleada chiude la pratica Cagliari già nel primo tempo. In vantaggio in avvio con Muriel, i bergamaschi si fanno raggiungere da Godin prima che Gomez, Pasalic e Zapata portino la Dea sul 4-1. Nella ripresa la squadra di Di Francesco riesce a prendere in mano la partita e a trovare la rete del 4-2 con Joao Pedro, prima che il nuovo entrato Lammers metta a segno il quinto centro nerazzurro. 

LA PARTITA

Questa volta Gasperini sceglie la coppia di attaccanti veri (Zapata-Muriel) con Gomez alle spalle e Pasalic e De Roon a centrocampo. Di Francesco cambia sistema di gioco e passa al 4-4-2 con Sottil e Nandez sulle fasce e Simeone e Joao Pedro in attacco. La difesa cagliaritana resta comunque in linea e piuttosto alta. Nemmeno il tempo di notarlo che un lancio di prima dalla difesa pesca Muriel che scappa sul filo del fuorigioco e piazza l'1-0. Sono passati solo 7 minuti. L'Atalanta non si preoccupa troppo delle iniziative che il Cagliari comincia ad assumersi macinando il suo gioco palla a terra, sfruttando le classiche giocate (sponde e ricerca del terzo uomo in profondità, soprattutto i tagli dall'esterno di Sottil e Nandez). Gasperini cerca di frenarle nel solito modo, con marcature in pressione individuale a tutto campo. Gomez prende il primo possessore a metà campo, Pasalic l'altro centrale, De Roon chiude su Nandez, Palomino guarda Sottil, ma è il solito gioco di scambi di marcature e posizioni con scalate laterali e verticali. 

Nonostante il buon momento degli ospiti sono i padroni di casa a essere pericolosi. De Roon prende la traversa sulla sponda di Zapata ma il Cagliari sfrutta l'esperienza di Godin, vecchio abitudinario delle aree di rigore, proprie e altrui, per pareggiare di testa sugli sviluppi di un angolo. Poi però parte un classico di queste parti: il Papu-show. Riceve da Zapata, finta con palla che scorre e destro nell'angolino dal limite. Poi dà il via al 3-1 che finisce con un velo di Muriel per Gosens che mette Pasalic davanti a Cragno che non può fare nulla sul tocco a colpo sicuro del centrocampista nerazzurro. L'azione preparata per tagliare fuori la difesa alta del Cagliari si ripete con il lancio per Zapata, che parte in progressione e piazza la rete del 4-1.

Sembra finita dopo un solo tempo. Soprattutto quando in apertura di ripresa Cragno salva su Zapata e Muriel si mangia il tap-in a porta spalancata. Il Cagliari si sveglia e trova il 4-2 con la spaccata di Joao Pedro sul cross di Lykogiannis. Poi ci prova Simeone e Gasp inizia a preoccuparsi. Escono Gomez e Zapata (che sfiora il 5-2 facendosi fermare da Cragno in uscita) ed entrano Malinovskyi e Lammers. E proprio l'olandese si presenta con una bella azione personale in area che vale il 5-2 finale. L'Atalanta si porta in testa alla classifica e, anche se Gasperini cercherà di negarlo fino alla fine, è una delle candidate per il prossimo titolo tricolore. 

LE PAGELLE

Gomez 7,5 - Schierato alle spalle della coppia Zapata-Muriel, in realtà porta avanti il suo ruolo di tuttocampista. Segna a modo suo (quarto gol in tre partite) e dà il via alle azioni più pericolose.
Zapata 7,5 - Sempre letale spalle alla porta (le sue sponde sono da mostrare nelle scuole calcio), è devastante in progressione e sempre presente in zona-gol.
Muriel 6,5 - Ha il merito di sbloccare la partita e di ispirare il gol di Pasalic con un velo. Ma si mangia anche una rete abbastanza semplice.
Godin 6 - E' la media tra il suo classico gol di testa e la bambola a cui lo costringono le continue combinazioni degli attacchi bergamaschi.
Cragno 6,5 - Quasi da record un voto simile con cinque gol sul groppone ma riesca a evitare che la goleada possa assumere proporzioni ancora più devastanti.
Simeone 4,5 - Si vede solo una volta con un tiro finito a lato. Non tutte le colpe sono sue, comunque, visto che non gli arriva mai un pallone giocabile. 

IL TABELLINO

Atalanta-Cagliari 5-2
Atalanta (3-4-1-2): Sportiello 6; Romero 6,5, Palomino 6,5 (41' s.t. Šutalo sv), Djimsiti 6; Hateboer 6, De Roon 6,5, Pasalic 7, Gosens 7 (29' s.t. Mojica sv); Gomez 7,5 (20' s.t. Malinovskyi 6); Muriel 6,5 (29' s.t. Freuler sv), Zapata 7,5 (20' s.t. Lammers 7)
Allenatore: Gasperini 7,5
Cagliari (4-4-2): Cragno 6,5; Zappa 5 (41' s.t. Faragò sv), Walukievicz 4,5, Godin 6 (41' s.t. Klavan sv), Lykogiannis 6; Sottil 6 (32' s.t. Caligara sv), Marin 5,5 (20' s.t. M. Tramoni 6), Rog 5,5, Nandez 5,5; Simeone 4,5, Joao Pedro 6,5 (41' s.t. Pavoletti sv)
Allenatore: Di Francesco 6
Arbitro: Pasqua 
Marcatori: 7' p.t. Muriel (A), 24' p.t. Godin (C), 29' p.t. Gomez (A), 37' p.t. Pasalic (A), 42' p.t. Zapata (A), 7' s.t. Joao Pedro (C), 36' s.t. Lammers (A)
Ammoniti:
Espulsi:

LE STATISTICHE

- L'Atalanta ha vinto tutte le prime tre partite stagionali di un campionato di Serie A per la prima volta nella sua storia.
- Con 13 gol, l'Atalanta ha superato il suo record di reti dopo le prime tre partite di una stagione di Serie A - aveva realizzato sette reti dopo tre gare nello scorso campionato.
- L'Atalanta è la prima squadra dal Milan nel 1972/73 a realizzare almeno 13 reti nelle prime tre partite di una stagione di Serie A.
- L'Atalanta ha segnato quattro gol nel primo tempo per la quarta volta dall'inizio del 2019 (ci era riuscita in cinque occasioni in precedenza in tutta la sua storia in Serie A).
- L'Atalanta ha segnato 10 gol nei primi tempi di questa Serie A, più di qualsiasi altra squadra nei cinque maggiori campionati europei.
_ Per la prima volta nella sua storia in Serie A, l'Atalanta ha segnato almeno quattro gol per tre partite consecutive.- - Sono ora otto i marcatori differenti per l'Atalanta in questa Serie A, record nei Top-5 campionati europei in corso al pari di PSG e Rennes.
-Quattro reti per Alejandro Gómez, che nella scorsa Serie A aveva trovato la quarta marcatura all'8ª giornata (chiudendo la stagione a quota sette).
- Quello di oggi al 7º minuto è il terzo gol più veloce di Luis Muriel in Serie A (i primi due erano arrivati con la maglia della Fiorentina).
- José Luis Palomino ha servito due assist nel match di oggi, tanti quanti in tutte le sue precedenti 88 presenze di Serie A.
- Diego Godin ha impiegato 24 minuti per trovare il gol con la maglia del Cagliari - aveva trovato la prima rete in campionato dopo 19 partite con l'Inter e 38 con l'Atletico Madrid.
- João Pedro trovato il gol in trasferta in Serie A per la prima volta dallo scorso gennaio (doppietta contro il Brescia).
- Alessio Cragno ha giocato oggi la sua 100ª partita in Serie A, tutte arrivate con la maglia del Cagliari.

 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments