finanza

Friedkin vuole la Roma fuori dalla Borsa: più libertà sul mercato e nuovo stadio

La società che controlla i giallorossi offre 0,43 centesimi ad azione, l'obiettivo è il delisting per avere vantaggi in futuro

  • A
  • A
  • A

Trentacinque milioni per avere tutte le azioni della As Roma S.p.A. e farla uscire dalla Borsa. Questo in sintesi il piano della Romulus and Remus Investments LLC, la società controllata da Friedkin e proprietaria dell'86% delle azioni. L'Opa (offerta volontaria) è mirata a quello che in gergo è chiamato delisting, ovvero l'uscita dai listini delle borse. Per fare questo il fondo americano pagherà a ciascun azionista che aderirà all'offerta un corrispettivo pari a 0,43 euro ad azione. Sono inoltre previsti, per i tifosi-azionisti che decideranno di collaborare a questa raccolta, dei premi ed esperienze esclusive per quanto riguarda il club. La mossa dei Friedkin ha un fine ben preciso, che ha spinto molte società ad abbandonare la borsa, o direttamente a non quotarsi.

Getty Images

I vantaggi sono in primo luogo operativi. Sarà più semplice qualsiasi mossa di mercato: comprare, vendere, prendere in prestito e rinnovare i contratti ai giocatori. Per questo che i club quotati in borsa sono attualmente solo cinque in Italia, e il trend è a scendere. Il patrimonio della società sono i calciatori, le strutture e gli stadi. La mossa del delisting voluto da Friedkin, infatti, sembra voluta proprio nell'ottica della costruzione del nuovo impianto di proprietà della Roma, un progetto che la proprietà americana intende mettere in porto e far fruttare il più possibile. Inoltre, non essendo più quotata in Borsa, il club potrà essere "sburocratizzato" in ogni suo ambito. Sarà possibile dunque dedicare all'attività sportiva tutte le risorse della società, senza la dispersione in attività laterali al core business, come quella finanziaria. Verrà anche aumentata la base di investimento e i fondi a disposizione, seppur di poco. L'obiettivo, annunciato dalla dirigenza a stelle e strisce è quello "di rendere più efficiente la struttura di business, che consentirà al club di portare avanti ulteriori investimenti volti a rafforzare la presenza della Roma tra i più importanti player del mondo del calcio a livello globale".

 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti