Serie A, amichevoli: Milinkovic-Savic gioca, segna e la Lazio vince. L'Atalanta riscopre Barrow, il Parma Baraye

Il serbo protagonista nel 5-2 biancoceleste sulla Triestina, bene la Dea con il Renate. Flop Cagliari: 1-1 in extremis con la Feralpisalò

  • A
  • A
  • A

Sergej Milinkovic-Savic è titolare, va in gol e la Lazio vince. Il serbo, uomo mercato, è uno dei protagonisti nel 5-2 biancoceleste sulla Triestina: ad Auronzo segnano anche Immobile, Correa e Caicedo (doppietta). Nel 6-0 dell'Atalanta sul Renate spicca il redivivo Barrow con due reti (altrettante ne fa Colley). Bene la Spal (2-0 sul Pordenone) e il Parma (4-0 sul Maia Alta, doppietta Baraye). Pareggio per 1-1 in extremis del Cagliari con la Feralpisalò.

LAZIO-TRIESTINA 5-2

C'è anche Milinkovic-Savic in campo nella Lazio che a Auronzo di Cadore affronta la Triestina. Anzi: il serbo, pungolato dalle parole pronunciate da Lotito in settimana, è addirittura titolare. Chi si prende i titoli di testa è però Ciro Immobile, che sblocca il match con una precisa inzuccata all'8' e poi serve un assist proprio a Milinkovic-Savic: altro colpo di testa vincente e gol al 29'. In mezzo c'era stato anche il rigore realizzato da Correa. Ripresa scoppiettante: Codromaz accorcia per i giuliani, Caicedo ristabilisce le distanze con una doppietta (il secondo gol arriva sull'assist del ventenne olandese Bobby Adekanye, rilevato dalle giovanili del Liverpool). Nel finale Triestina ancora in gol con Marzola.

ATALANTA-RENATE 6-0

Ma guarda chi si rivede. Questo potrebbe essere uno dei temi della bella vittoria che l'Atalanta di Gian Piero Gasperini ottiene a Clusone contro un'avversaria di serie C. E che tra i grandi protagonisti vede una delle poche delusioni della passata stagione, conclusa al terzo posto: Musa Barrow. Proprio il gambiano segna il primo gol, pochi secondi dopo il via, e chiude la doppietta al 13'. In mezzo c'è la rete del Papu Gomez, Barrow colpisce poi anche un palo e nella ripresa c'è gloria per altri protagonisti: Muriel segna dopo un assolo personale, Colley (19enne gambiano come Barrow) trova una doppietta su assist dei volti nuovi Malinovskyi e Amad Traoré, un classe 2002 aggregato dalla Primavera. La nuova Atalanta sembra già avere i giri del motore altissimi.

PARMA-MAIA ALTA 4-0

Meglio la ripresa che il primo tempo, per un Parma che impiega 44 minuti per sbloccare il match di Prato allo Stelvio, per poi dilagare nella seconda frazione di gioco. Primi minuti difficili, invece, tanto che D'Aversa opera la prima sostituzione al 20' (Barillà per Gagliolo). Dopo il gol di Inglese, quindi, la ripresa regala più emozioni: Ceravolo raddoppia al 60', Yves Baraye riesce quindi ad aprire e chiudere la personale doppietta in appena 13 minuti, con il Parma che soprattutto da lui ha raccolto buone notizie. E un po' a sorpresa l'attaccante senegalese, protagonista nel triplo salto dalla D alla A ma che l'anno scorso è stato girato senza successo in prestito al Padova, potrebbe ora ritrovare un nuovo spazio nelle gerarchie crociate.

SPAL-PORDENONE 2-0

Sfida interessante a Tarvisio, dato che contro la Spal si presenta un'avversaria che nella prossima stagione sarà al debutto in serie B. C'è quindi voglia di vincere, oltre a quella di mettere semplicemente benzina nelle gambe, e in campo si vede: nel primo tempo segna Mattia Valoti al 25', quindi i neroverdi di Tesser provano a mettere in difficoltà la Spal che infatti non trova più spazi. Jankovic centra anche una traversa per i biancazzurri, che raddoppiano solo all'81' grazie a un rigore trasformato da Petagna, ormai divenuto specialista dal dischetto.

BRESCIA-DARFO BOARIO 5-1

Buona sgambata per il Brescia di Corini, che anche nella preparazione al ritorno in serie A ritrova i suoi grandi protagonisti nella cavalcata promozione dell'anno scorso in cadetteria. Contro la locale formazione di Eccellenza, infatti, Torregrossa segna due gol e uno arriva invece da Donnarumma (pure protagonista di diversi errori nel corso del match). A segno, sempre nel primo tempo, anche Viviani e Sabelli, mentre la ripresa si è senz'altro rivelata meno gradevole, con le Rondinelle che hanno mostrato ancora di avere gambe pesanti e automatismi da ritrovare. A secco la grande sensazione di questo inizio di ritiro: il promettente ventiduenne francese Florian Ayé.

CAGLIARI-FERALPISALÒ 1-1

Qualche fatica di troppo per il nuovo Cagliari di Maran, che a Celledizzo fatica con la Feralpisalò dell'Airone Andrea Caracciolo, rischiando anche di perdere. Nel primo tempo attivi Ragatzu su schema da punizione e Ionita dalla distanza, ma poi proprio Caracciolo colpisce un palo di testa. Maran cambia faccia alla squadra nell'intervallo con una girandola di sostituzioni, ma chi va in gol sono i verdazzurri, grazie al colpo di testa di Marchi su corner al 73'. Aresti sfiora addirittura il raddoppio, poi Despodov colpisce una traversa per il Cagliari. All'85' Birsa trova Cerri che finalmente pareggia. Ma è chiaro che il lavoro da fare, per gli isolani, è ancora tanto.

SASSUOLO-RAPP. LOCALE VIPITENO 12-0

Facile sgambata per gli uomini di De Zerbi nella prima amichevole del loro precampionato, con un grande protagonista che si erge sopra ogni altro: Ciccio Caputo. L'ex attaccante dell'Empoli riesce infatti a realizzare da solo quattro dei sette gol complessivi dei neroverdi nel primo tempo, mentre gli altri sono opera di Boga e Duncan oltre a un autogol. Interessante il tridente scelto da De Zerbi nella ripresa, con Berardi e Di Francesco ai lati di Boateng finto centravanti. E proprio l'ex Milan e Barcellona trova una doppietta negli ultimi minuti del match, dopo che erano già arrivati una deviazione di Rainer e il gol di Mazzitelli. Chiude i conti Berardi, sfruttando nel migliore dei modi un assist di Adjapong.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments