ESCLUSIVA

Michele Uva: "Uefa unita e compatta: prima la salute del business"

Il vicepresidente Uefa a Sportmediaset XXL: "Sarà ogni lega a decidere il calendario dei campionati nazionali"

  • A
  • A
  • A

Michele Uva, vicepresidente Uefa, è intervenuto durante Sportmediaset XXL chiarendo in primis come da Nyon non siano arrivate indicazioni su limiti temporali entro i quali finire i campionati nazionali, Serie A compresa: "Non è una cosa di nostra competenza, sarà ogni lega a decidere. L'unica questione riguarda quei giocatori in scadenza di contratto o di prestito al 30 giugno ma non riguarda l'Uefa che chiederà entro una certa data solamente la lista di squadre che parteciperanno alle prossime coppe europee".

Uva ha spiegato quanto è stato difficile dover rinviare gli Europei di calcio: "Dall'Uefa è arrivato un segnale di unità e compattezza, abbiamo agito con trasparenza e responsabilità e dato priorità alla salute di tutti e alla sostenibilità del sistema. Non certo il triste spettacolo che sta esibendo l’Unione Europea. Ora facciamo da guida e coordinamento per le federazioni, club e leghe che vivono situazioni completamente diverse visti i diversi livelli di contagio del coronavirus a livello europeo".

Infine, un pensiero sulla situazione che sta vivendo il calcio: "Per l'Uefa viene prima la tutela della salute rispetto al business. Da cittadino e da tifoso di sport dico solo che il sistema deve viaggiare unito e compatto. tutti dovranno fare rinunce, come abbiamo dovuto fare noi rinviando gli Europei di calcio maschili e femminili. È necessario rimanere compatti come ha fatto la Uefa per il bene comune".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments