FRANCIA

Ligue 1, Messi incanta e il PSG stende l’Angers: il Lens ora è a -6

I parigini si godono una “Pulce” in formato Qatar e allungano in classifica

  • A
  • A
  • A
© afp

Finisce 2-0 tra Paris Saint-Germain e Angers, nella sfida valida per la 18esima giornata di Ligue 1. Il match si sblocca con la rete di Hugo Ekitike, che sostituisce Kylian Mbappé. Messi ispira i propri compagni e regala al Parco dei Principi oltre novanta minuti di grande calcio, poi segna di destro il 2-0 che mette in ghiaccio la sfida. Con il pareggio tra Lens e Strasburgo (2-2), i parigini volano a +6. Vince l'OM, pari per Lione e Monaco.

PSG – ANGERS 2-0
Lionel Messi fa il fuoriclasse e il PSG si prende con due gol i tre punti contro un combattivo Angers, nel confronto valido per la 18esima giornata di Ligue 1. Assente Mbappé, Galtier si affida in attacco a Messi e Neymar, che supportano Hugo Ekitike. Il francese classe 2002 non delude il suo mister e al 5’ porta subito il confronto sui binari favorevoli ai suoi. con una pettinata di piatto su assist di Mukiele. Dopo venti minuti, i parigini hanno la grande chance per il raddoppio. Messi, inspirato e in formato Qatar, mette un cross al bacio sulla testa di Sergio Ramos. Lo spagnolo ex Real Madrid trova però un reattivo Bernardoni, che tiene a galla l’Angers, mai pericoloso dalle parti di Donnarumma nel primo tempo. La goleada contro l’ultima della classe sembra solo questione di tempo, ma nella ripresa il PSG gioca sul velluto e fa accademia. L’Angers inizia così a guadagnare metri e a spaventare il Parco dei Principi, con Abdelli e Sima vicini alla rete, e il subentro rinvigorente di Boufal. A togliere le castagne dal fuoco però è Lionel Messi, che segna il suo primo gol da campione del Mondo dopo il trionfo con l’Argentina. Il 30 del PSG combina al 72’ con Mukiele e conclude con un destro che comunque non lascia margine d’intervento a Bernardoni. Sul finale i padroni di casa hanno anche la possibilità di arrotondare con il solito Mukiele, ma il suo tentativo si stampa sul palo. Vittoria preziosa questa per i campioni di Francia, che allungano a +6 su Lens, fermato dallo Strasburgo sul pareggio.

STRASBURGO-LENS 2-2
Pareggio che inguaia il Lens, che fa 2-2 contro la penultima della Ligue 1 e lascia sul campo due punti preziosi. Pronti via e le due formazioni iniziano a darsi battaglia per un primo tempo a dir poco scoppiettante. Al 12’ Claude-Maurice segna l’1-0 per gli ospiti, che poi devono subire l’uno-due micidiale di Prcic (14’) e Gameiro (16’). Il Lens però non si perde s’animo e ristabilisce la parità con Openda. Il risultato resta così fino al triplice fischio dell’arbitro, che condanna gli ospiti a vedere scappare il PSG, ora a +6 in campionato

TROYES – MARSIGLIA 0-2
Vittoria preziosa per 2-0 del Marsiglia in casa del Troyes. Dopo dieci minuti sono i Phoceéns a pescare il jolly con Chancel Mbamba che è bravo a infilare Lis dopo una spizzata di Guendouzi. La prima frazione termina senza ulteriori emozioni, ma gli ospiti mordono all’inizio dei secondi 45 minuti. Questa volta è Jordan Veretout a colpire: l’ex Fiorentina e Roma si ritrova in proiezione offensiva e non sbaglia, segnando il 2-0. Questa è la quinta vittoria consecutiva per il Marsiglia, che ora raggiunge i 39 punti in classifica e consolida il terzo posto alle spalle del Lens.

LORIENT – MONACO 2-2
Pareggio per 2-2 tra Monaco e Lorient in uno scontro che sa di Europa. L’avvio di gara sorride ai monegaschi, che centrano la traversa con Camara al 16’. Due minuti dopo Moffi del Lorient mette alla prova i riflessi di Nubel, che non si fa cogliere impreparato. Al 26’ l’arbitro Brisard assegna un rigore agli ospiti per un fallo di Mannone. Embolo è pronto sul dischetto, ma il direttore di gara viene richiamato al VAR e ritorna sui suoi passi, togliendo la massima punizione al Monaco. I gol arrivano tutti nella ripresa, con la rete di Embolo che con il piatto segna l’1-0. Il Lorient, però, è tutt’altro che vinto e nel giro di pochi secondi la ribalta tra il 76’ e il 77’. Prima è Dango Ouattara che sfrutta al meglio un calcio d’angolo e incorna di testa, poi è sempre il classe 2002 originario del Burkina Faso a imbastire il vantaggio, concretizzato da Terem Moffi. Al 92' è però Ben Yedder a far esultare gli ospiti con un colpo di testa che vale il 2-2. Ora il Monaco è a 34 punti a ridosso della zona Europa, mentre il Lorient si avvicina, avendo conquistato 32 punti.

AUXERRE – TOLOSA 0-5
Il Tolosa batte con un rotondo 5-0 un inerme Auxerre, che si scioglie già nel primo tempo. Al 4’ infatti Chaibi scaglia un destro potente all’incrocio che non lascia scampo a Costil. Circa mezz’ora più tardi arriva il raddoppio della formazione di Montanier con Rouault che non sbaglia. Il 3-0 è invece opera di van den Boomen che su rigore batte il portiere dei padroni di casa e mette in cassaforte i tre punti. Nella ripresa gloria anche per Aboukhlal (75’) e Dallinga (91’), che fissano il risultato finale sul 5-0. Il Tolosa sale così a 22 punti in classifica, mentre l’Auxerre raccoglie la quarta sconfitta consecutiva e resta fermo a 13.

NANTES – LIONE 0-0
Pareggiano 0-0 Nantes e Lione in un match che però non è stato di certo avaro di emozioni. Al 4’ Thiago Mendes fa tremare il Beaujoire con una punizione che scheggia la traversa. Opportunità poi per il Nantes con Mohamed, che spreca un assist interessante di Guessand. L’occasione più clamorosa l’ha però tra i piedi il veterano Sissoko, che però si fa ipnotizzare da Lopes, che salva lo 0-0. La ripresa inizia con lo stesso canovaccio dei primi 45 minuti: grande pressing e tanto agonismo in campo. Al 52’ ci prova Lacazette a portare in vantaggio gli ospiti, ma il suo siluro da fuoriarea viene disinnescato da un attento Lafont. A 10 minuti dal 90’ da segnalare un provvidenziale intervento difensivo del terzino campione del mondo Tagliafico, che nega il vantaggio a Coco per il Nantes. Le due formazioni si dividono quindi la posta in palio, con il Nantes che affronterà la Juventus a febbraio per lo spareggio di Europa League. 

NIZZA – MONTPELLIER 6-1
Goleada del Nizza che strapazza per 6-1 il Montpellier in una gara a senso unico. Passano subito in vantaggio gli uomini di Digard, che al 15’ trovano la via della rete con Nicolas Pepe, abile a capitalizzare il passaggio di Khephen Thuram. Poi il figlio di Lillian Thuram si mette in proprio e porta i suoi sul 2-0 al 35’ anticipando i difensori avversari. Nel secondo tempo è sempre Pepe ad aggiornare il tabellino al 57’, con la sua rete che vale il 3-0 dopo un contropiede architettato dall’ex Juventus Aaron Ramsey. Il poker è servito al 75’ da Bilal Brahimi che rasoterra batte Omlin. Il gol della bandiera per gli ospiti porta poi il nome di Teji Savanier (80’), ma ci pensa subito Ross Barkley a ristabilire le distanze e a segnare il 5-1. Il definitivo 6-1 è sempre opera del britannico classe 1993. Con questa sonora vittoria il Nizza si porta così a 24 punti, mentre il Montpellier è costretto a leccarsi le ferite dopo questa batosta, che condanna la squadra di Pitau a bloccarsi a 17 lunghezze.

CLERMONT – RENNES 2-1
Colpo del Clermont che davanti al suo pubblico batte il Rennes per 2-1. Alla mezz’ora del primo tempo arriva la rete che sblocca il match, con Kyei che a tu per tu con Mandanda non sbaglia e porta il Clermont in vantaggio. Nei secondi 45 minuti, però, pareggia il Rennes con Kalimuendo, bravo a sfruttare al meglio l’assist di Bourigeaud, il quale viene però espulso subito dopo. Già in inferiorità numerica, gli ospiti devono assistere impotenti anche al secondo rosso, con Omari che lascia il Rennes in nove. A questo punto si scatena l’assalto del Clermont, che trova il gol nei minuti di recupero con Johen Gastien. I tre punti vanno così ai padroni di casa che salgono a 22 punti, mentre resta a bocca asciutta il Rennes, che rimane a 34.

BREST – LILLA 0-0
Pareggio a reti bianche tra Brest e Lilla. Gara con poche occasioni da gol, sia da una parte che dall’altra con le due formazioni che non sono riuscite a trovare la via della porta. Nel primo tempo ci provano gli ospiti con un tiro di David, che però finisce alle stelle. Nella ripresa ancora occasione per il Lilla, ma Cabella spreca tutto calciando alto. Nel finale, i piccardi reclamano anche un calcio di rigore, che però l’arbitro Vernice non assegna. Punto che non serve molto al Brest, che resta impantanato nelle ultime posizioni della classifica a 14 punti, mentre il Lilla sale a 31, salendo a 5 risultati utili consecutivi in Ligue 1.

AJACCIO – REIMS 0-1
Finisce 1-0 per il Reims allo stadio François Coty di Ajaccio. Partono forte gli ospiti, con l’arbitro Delajod che, dopo un consulto al VAR, convalida la rete di Munetsi. Il vantaggio degli uomini dell’allenatore belga Still resiste per tutto il primo tempo in 45 minuti tutto sommato privi di particolari emozioni. Ancora pochi sussulti nella ripresa, dove il Reims gestisce la posta in palio. Al 51’ Mayembo ha anche l’opportunità di segnare il raddoppio, ma il congolese centra la traversa. Tre punti pesanti questi per il Reims, che continua la sua striscia di 9 partite senza sconfitta in Ligue 1 e sale a 23 punti. Mentre l’Ajaccio rimane bloccato a 15 lunghezze, a ridosso della zona retrocessione.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti