Calcio ora per ora

Klopp: "molti "falsi positivi" in focolaio Liverpool"

Il focolaio di Covid che ha determinato il rinvio della semifinale di

Ora per ora placeholder
  • A
  • A
  • A

Il focolaio di Covid che ha determinato il rinvio della semifinale di andata di Coppa di Lega del Liverpool, originariamente prevista il 6 gennaio contro l'Arsenal, e' stato caratterizzato "da molti falsi positivi". Lo ha dichiarato il manager dei Reds, Jurgen Klopp. Il Liverpool aveva informato che un "grave focolaio" al club gli impediva di schierare una formazione contro i Gunners all'Emirates Stadium di Londra. Klopp ha pero' ora chiarito che il difensore Trent Alexander-Arnold e' l'unico giocatore a essere realmente positivo. Tutti i calciatori "colpiti" da una falsa positivita' ieri non sono stati schierati contro lo Shrewsbury, in una gara valida per il terzo turno di FA Cup. Klopp ha schierato nella formazione titolare ad Anfield quattro ragazzi del settore giovanile e uno di loro, Kaide Gordon, ha firmato la rete del pareggio nella gara che il Liverpool ha vinto in rimonta 4-1. "Questa era la squadra che potevamo mettere in campo e i ragazzi hanno fatto davvero bene", ha dichiarato il manager dei Reds. "La scorsa settimana abbiamo avuto un autentico focolaio ed e' emerso che avevamo molti falsi positivi, ma le regole sono quelle che sono, quindi tutti questi giocatori che sono falsi positivi non possono giocare", ha aggiunto l'ex allenatore del Borussia Dortmund, "L'unico vero positivo e' stato Trent Alexander-Arnold, tutto il resto erano falsi positivi". I Reds hanno temporaneamente chiuso il centro di allenamento della prima squadra mercoledi' dopo che l'allenatore in seconda, Pep Lijnders, e' diventato l'ultimo a doversi sottoporre a isolamento.