LIVERPOOL-NAPOLI 1-1

Champions, Liverpool-Napoli 1-1: ad Ancelotti basta un punto per gli ottavi

Lovren risponde al vantaggio di Mertens: ad Anfield buona prova degli azzurri

di
  • A
  • A
  • A

Nella quinta giornata della fase a gironi di Champions League Liverpool e Napoli pareggiano 1-1 e lasciano ancora aperti i giochi per la qualificazione agli ottavi del Gruppo E. Ad Anfield Mertens sblocca la partita con un diagonale preciso al 20', poi Lovren rimette tutto in equilibrio al 65' di testa. Con una gara ancora da giocare, Liverpool a quota 10, Napoli a 9 e Salisburgo a 7: azzurri agli ottavi se fanno un punto col Genk o se gli austriaci non vincono

LA PARTITA

Ad Anfild per il Napoli è una partita delicata. E lo si capisce anche dalle scelte di Ancelotti, che piazza Maksimovic sulla linea difensiva e Di Lorenzo al posto di Callejon in mediana. Atteggiamento guardingo che nasconde un'anima trasformista e grande rispetto per l'avversario. Avversario che invece scende in campo col solito 4-3-3 e il trio delle meraviglie Salah-Firmino-Mané. Con le squadre corte, l'avvio del match è equilibrato. Più basso, il Napoli lascia il pallino nelle mani dei Reds e prova a ripartire per vie centrali appoggiandosi a Lozano. Ordinato e preciso negli appoggi, il Liverpool invece punta tutto sul palleggio per creare la superiorità e scardinare il bunker azzurro con i cambi di gioco su Mané e le giocate di Firmino. La fase di studio dura venti minuti, poi Mertens sblocca la gara con una rasoiata in diagonale dopo uno scontro con Van Dijk in mezzo al campo. Un lampo che sorprende la difesa di Klopp e accende il match. A caccia del pari, i Reds aumentano subito i giri in mezzo al campo e alzano gli esterni. Il Napoli invece serra le linee con Allan e si concentra sulla prima uscita dal pressing per andare subito in verticale e sfruttare la velocità di Lozano e Zielinski. Con gli spazi più aperti, nell'ultimo quarto d'ora del primo tempo il Liverpool prova a far valere la tecnica, ma le invenzioni di Firmino, Salah e Milner non bastano a fare la differenza e il Napoli rientra negli spogliatoi in vantaggio. 

Vantaggio che gli azzurri gestiscono bene anche a inizio ripresa nonostante la pressione del Liverpool. Un po' grazie alle chiusure provvidenziali di Manolas e Koulibaly un po' grazie al ritmo di Allan in mediana e ai piedi educati di Fabian Ruiz. Per un'ora di gioco il Napoli regge dietro, poi la banda di Klopp accelera e gli azzurri devono arrendersi a una zuccata di Lovren, che pareggia i conti sugli sviluppi di un calcio piazzato. Rete che rimette tutto in equilibrio e carica i padroni di casa. In pressione, i Reds attaccano a testa bassa gettando nella mischia anche Alexander-Arnold. Il Napoli però non molla e continua a tenere lontano dall'area Salah & Co. rispedendo al mittente l'assalto dei Campioni d'Europa in carica e portando a casa un pareggio prezioso. Non solo per la Champions, ma anche per far tornare un po' di serenità nello spogliatoio​​​​​, allontanare le critiche e riprendere il filo del discorso interrotto con l'ammutinamento. Da Liverpool il Napoli torna con un punto meritato, pesante e una squadra unita.​

 

LE PAGELLE
Mertens 6,5: si alterna con Lozano in profondità, attaccando lo spazio e avviando il primo pressing in fase di non possesso. Impeccabile il diagonale con cui batte Alisson. Nella ripresa patisce il forcing dei Reds e cala
Allan 7: fa legna, corre e ringhia su tutti. In mediana è l'uomo in più del Napoli. Spezza la manovra dei Reds, collega i reparti e detta i tempi delle ripartenze. Tutto nonostante la mega multa di AdL
Mario Rui 6,5: deve vedersela con Salah e non sfigura. Sta attaccato all'egiziano, concedendogli pochissimo spazio e concentrandosi sulla fase di contenimento senza fronzoli
Firmino 6,5: lampi di classe e giocate geniali. Nel primo tempo delizia Anfield con un paio di colpi di tacco, nella ripresa poi cala e non riesce a incidere
Salah 5,5: Mario Rui gli sta addosso e ne limita le giocate grazie anche ai raddoppi di Koulibaly. Il passo è sempre quello del fuoriclasse, ma la serata non è affatto di quelle magiche
Van Dijk 5,5: di testa le prende tutte. Tranne la palla che Mertens gli contende in mezzo al campo sull'azione del vantaggio del Napoli. Una leggerezza inspiegabile per un giocatore del suo calibro
 

IL TABELLINO

LIVERPOOL-NAPOLI 1-1
Liverpool (4-3-3): Alisson 6; Gomez 6 (12' st Oxlade-Chamberlain 6), Lovren 6,5, Van Dijk 5,5, Robertson 6; Henderson 6, Fabinho 6 (19' Wijnaldum 6), Milner 6,5 (33' st Alexander-Arnold sv); Salah 5,5, Firmino 6,5, Mané 5,5.
A disp.: Adrian, Lallana, Shaqiri, Origi. All.: Klopp 6
Napoli (3-5-2): Meret 6; Maksimovic 6,5, Manolas 6,5, Koulibaly 6,5; Di Lorenzo 6, Allan 7, Fabian Ruiz 6,5, Zielinski 6 (40' st Younes sv), Mario Rui 6,5; Mertens 6,5 (35' st Elmas sv), Lozano 5,5 (27' st Llorente 5,5). 
A disp.: Ospina, Luperto, Gaetano, Callejon. All.: Ancelotti 6
Arbitro: del Cerro Grande (Spa)
Marcatori: 20' Mertens (N), 20' st Lovren (L)
Ammoniti: Robertson (L); Koulibaly, Allan (N)
Espulsi:  -


LE STATISTICHE

•    Il Napoli è rimasto imbattuto in una trasferta in Inghilterra nelle competizione europee per la seconda volta in 10 partite (2N, 8P), la prima ad Anfield dopo due sconfitte; gli azzurri hanno messo fine a una serie di cinque sconfitte consecutive in terra inglese.
•    Il Napoli ha trovato il gol con Dries Mertens con l’unico tiro nello specchio della porta.
•    Il Liverpool ha evitato la sconfitta dopo essere andato sotto nel punteggio in una partita di Champions League per la prima volta dall’aprile 2018 (vs Manchester City).
•    Per la prima volta Carlo Ancelotti è uscito imbattuto da una trasferta contro una squadra di Jurgen Klopp in Champions League, dopo aver perso le prime due sfide precedenti (nel 2014 col Real Madrid e nel 2018 con il Napoli).
•    Il Napoli ha registrato il 28,2% di possesso palla in questa partita: la percentuale più bassa ottenuta dagli azzurri in una singola partita di Champions League nella propria storia.
•    Jurgen Klopp ha collezionato la 100a panchina europea in carriera (52V, 23N, 25P).
•    Kostas Manolas ha respinto 14 palloni nella sfida contro il Liverpool,  più di ogni altro giocatore del Napoli in una singola partita di questa Champions League. Solo Nemanja Milunovic (Stella Rossa) ha fatto meglio in un singolo match (in casa del Bayern).
•    Dries Mertens ha preso parte attiva a 17 gol nelle sue ultime 18 partite da titolare con la maglia del Napoli in Champions League (13 reti, 4 assist), inclusi cinque in questa edizione del torneo (4 gol, 1 assist).
•    Fabián Ruiz ha recuperato 13 palloni nella sfida di Anfield, più di ogni altro giocatore in campo. Nessun altro giocatore del Napoli ha fatto meglio in una singola partita di questa Champions League.
•    James Milner ha fornito 11 assist in Champions League dall'inizio della stagione 2017/18, nessun altro giocatore ne conta di più nel periodo.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments