CHAMPIONS LEAGUE

Champions, match-ball Inter e ultima chiamata Milan: un mercoledì ad alta intensità

I nerazzurri cercano i tre punti con lo Shakhtar per ipotecare gli ottavi, i rossoneri con l'Atletico per sperare

  • A
  • A
  • A

Milano e Madrid, San Siro e il Wanda Metropolitano: un mercoledì di Champions per le milanesi ad altissima intensità. Dopo il cappotto della Juve con il Chelsea e il pari dell'Atalanta con lo Young Boys, per Inter e Milan arrivano i 90 minuti più  importanti della stagione europea: i nerazzurri ospitano lo Shakhtar di De Zerbi con la possibilità di ipotecare il passaggio agli ottavi di finale, i rossoneri invece vanno a far visita all'Atletico di Simeone per giocarsi le residue speranze di restare in corsa per una qualificazione miracolosa.

Per l'Inter è una sorta di match-ball incrociato, diciamo così. Un successo con gli ucraini spianerebbe la strada verso la Top-16 di Champions che diventerebbe certezza in caso di risultato positivo del Real Madrid contro lo Sheriff: tre punti permetterebbero infatti ai nerazzurri di salire a quota 10 in classifica, garantendo la qualificazione anticipata se in serata i merengues di Ancelotti non dovessero commettere passi falsi contro i sorprendenti moldavi. A quel punto la trasferta di dicembre al Bernabeu vedrebbe in gioco solo il primo posto nel girone. Quindi, al di là di tutte le altre possibili combinazioni (e scongiurando soprattutto un secondo passo falso del Real contro lo Sheriff) per Inzaghi c'è un solo obiettivo tassativo, per non complicare un cammino raddrizzato nelle ultime due precedenti uscite europee. Sfatando, oltretutto, quel piccolo-grande tabù che dopo il 5-0 in semifinale di Europa League dell'agosto 2020 ha poi visto i nerazzurri pareggiare per tre volte per 0-0 con lo Shakhtar, col penultimo dei quali fatale un anno fa all'allora squadra di Antonio Conte.

Se l'Inter si gioca il passaggio anticipato agli ottavi, il Milan è chiamato invece a scongiurare l'eliminazione aritmetica con 90 minuti di anticipo e tenere vive le speranze per un'impresa che avrebbe del clamoroso. I rossoneri sono infatti ultimi nel girone B con un punto, guadagnato nell'ultima giornata con il pareggio a San Siro per 1-1 contro il Porto. Anche l'Atletico Madrid, è vero, non vive un bel momento in Europa: ha perso le ultime due partite in Champions (entrambe contro il Liverpool) e adesso ha 4 punti nel girone. In testa c'è la squadra di Klopp con 12 punti, seguita dal Porto con 5 punti. Questo significa che al Wanda Metropolitano serve vincere per restare vivi: non sarà certo facile, ma la capolista della Serie A ha l'obbligo (e le possibilità) di provarci.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti