Serie A: Carpi-Palermo 1-1

Al Braglia un pareggio giusto che va meglio ai rosanero, che tengono a 6 punti di distanza i rivali nella corsa salvezza

di
  • A
  • A
  • A

Nel primo anticipo della 22a giornata di Serie A, la sfida salvezza tra Carpi e Palermo finisce 1-1, un risultato che serve più ai rosanero, che mantengono sei punti di vantaggio sugli emiliani. La squadra di Tedesco passa in vantaggio al 24', con uno splendido gol di Gilardino: controllo di tacco e sinistro che batte Belec. Gol numero 184 in Serie A e 38° scalpo, record che condivide con Totti e Baggio. Di Mancosu al 74' il pari su rigore.

Sono davvero punti pesanti, che valgono doppio, quelli in palio al Braglia tra Carpi e Palermo. Un'autentica sfida salvezza, un incrocio fondamentale per gli uomini di Castori che non possono permettersi passi falsi, visto che il quartultimo posto dista 5 lunghezze. Gli emiliani sono reduci dal tanto incredibile quanto meritato pareggio di San Siro contro l'Inter e sono imbattuti nelle ultime quattro giornate. L'eroe del Meazza Lasagna parte ancora dalla panchina: Mbakogu è l'unica punta supportato da Lollo. Al posto dello squalificato Pasciuti c'è Di Gaudio, mentre in difesa fa il suo esordio Poli, di rientro dal prestito dal Novara. Nel Palermo fa il suo debutto in panchina Giovanni Tedesco, palermitano doc e ex giocatore rosanero. Zamparini ha scelto lui come tutor di Guillermo Barros Schelotto, che per problemi burocratici andrà in panchina come dirigente accompagnatore. I rosanero sono reduci dalle quattro sberle rifilate all'Udinese: squadra che vince non si cambia. In attacco il tridente Vazquez-Gilardino-Quaison. Il Gila si ritroverà di fronte Zaccardo, con il quale 10 anni fa divenne campione del mondo in Germania.

La posta in palio è davvero alta e le due squadre pensano prima di tutto a non prenderle. E' un po' più intraprendente il Carpi, ma Mbakogu là davanti è troppo solo e non sa con chi dialogare. Il Palermo è piuttosto sornione, chiude bene gli spazi e prova a ripartire con l'estro di Vazquez. E' anche cinica la squadra del duo Tedesco-Schelotto, visto che passa la prima volta che si affaccia nell'area avversaria. Hiljemark mette a centro area, Gilardino controlla di tacco e fa secco Belec. Gol numero 184 in Serie A per il bomber di Biella e Carpi 38° scalpo di Serie A nella collezione, un record diviso con due grandi come Baggio e Totti. Siamo al 24' e il gol è una doccia fredda per i padroni di casa, che faticano a reagire. I rosanero gestiscono senza patemi e Sorrentino non è mai impegnato seriamente.

Castori ha bisogno di maggior peso in avanti: dentro Lasagna e fuori Cofie, una punta per un centrocampista. Il Palermo prova ad addormentare la gara e per lunghi tratti la tattica funziona. Mbakogu è in giornata no e allora gli emiliani si giocano la carta Mancosu. Mossa vincente di Castori, visto che l'ex Bologna si procura e realizza il rigore del pareggio (ingenuo fallo di Gondaniga). Siamo al 74' e la gara si scalda. Uscito Gilardino, è Vazquez che si prende sulle spalle la squadra: l'assist in profondità per Trajkovski è da manuale del calcio, ma Belec si salva in uscita. Poi è sempre il Mudo a battere il corner per la testa di Cristante: a lato di un soffio. L'ultima occasione, però, è per i padroni di casa ma Di Gaudio, invece di servire Lasagna tutto solo, prova a saltare Gonzalez che lo ferma. Al triplice fischio di Rizzoli i sorrisi sono solo quelli rosanero e di Tedesco, che debutta con un prezioso pareggio. La strada salvezza del Carpi è ancora lunga e si fa davvero complicata se non si portano a casa gli scontri diretti. Castori può consolarsi per il quinto risultato utile di fila.

Mancosu 6,5 - Si procura e trasforma il rigore per il suo primo gol in maglia Carpi. Decisivo
Mbakogu 5 - E' servito poco e male, ma non combina un granché
Di Gaudio 5 - Non demerita, ma l'eccesso di egoismo nel recupero è imperdonabile

Gilardino 6,5 - Lo stop di tacco con cui controlla il pallone da cui nasce il gol è da applausi. Una rete che vale doppio
Vazquez 6,5 - Niente assist, ma l'ennesima conferma che sia di una categoria superiore
Goldaniga 5 - Ingenuo il fallo su Mancosu che permette al Carpi di acciuffare il pareggio. Peccato di gioventù

CARPI-PALERMO 1-1
Carpi (4-4-1-1): Belec 6; Zaccardo 6,5, Romagnoli 5,5, Gagliolo 6, Poli 6 (25' st Crimi 6); Letizia 6, Bianco 6, Cofie 5 (1' st Lasagna 6), Di Gaudio 5; Lollo 5,5; Mbakogu 5 (15' st Mancosu 6,5). A disp.: Brkic, Colombi, Sabelli, Gnahoré,  Suagher, Martinho, Daprelà. All.: Castori 6
Palermo (4-3-3): Sorrentino 6; Struna 6, Goldaniga 5, Gonzalez 6,5, Lazaar 6; Hiljemark 6,5, Jajalo 6, Chochev 5,5; Vazquez 6,5, Gilardino 6,5 (23' st Cristante 6), Quaison 5,5 (12' st Trajkovski 5,5). A disp.: Alastra, Vitiello, Rispoli, Andelkovic, Bentivegna, Cionek, Balogh, Maresca, Morganella, Djurdjevic. All.: G. Tedesco 6
Arbitro: Rizzoli
Marcatori: 24' Gilardino (P), 29' st rig. Mancosu (C)
Ammoniti: Quaison, Vazquez, Gonzalez (P), Cofie, Letizia (C)