INTER

Calhanoglu, gol pesanti per l'Inter: Milan, Napoli, Roma, Juve e Barcellona nel mirino

Campionato, Coppa Italia e Champions: il centrocampista turco metta la firma nei big match

  • A
  • A
  • A
© Getty Images

Hakan Calhanoglu è tornato a segnare in Champions dopo sei anni, l'ultimo centro in Bayer Leverkusen-Cska del 14 settembre 2016. Dopo gli anni al Milan passati senza l'Europa più prestigiosa, nella scorsa stagione - la sua prima con l'Inter - aveva messo la firma solo in Italia: col Barcellona, nella serata in cui Inzaghi lo ha schierato in regia al posto di Brozovic, ha suggellato una prestazione sopraffina con la rete della vittoria nerazzurra. Ma al di là delle sue capacità di adattamento che ne hanno fatto un perno dell'Inter, il turco in questa sua prima stagione e mezza in nerazzurro ha coi fatti anche smentito una critica che si portava appresso dal passato rossonero. Quale? Beh, si diceva che non segnasse gol pesanti e che mancasse contro le big. Lo score realizzativo interista, di tutto rispetto per un centrocampista, dice invece tutt'altro.

La scorsa stagione Calhanoglu ha segnato 7 gol in campionato (con 13 assist) e 1 in Coppa Italia: quattro dei primi sette contro Milan (rigore sotto la Curva Sud), Napoli (sempre dal dischetto), Roma (direttamente da corner) e Juve (rigore ripetuto e segnato), quello in Coppa (finale all'Olimpico) sempre dagli undici metri contro la Juve (momentaneo 2-2). Quest'anno, dopo essere andato a segno contro lo Spezia in campionato, è tornato nel tabellino marcatori contro il Barcellona, altro gol pesante contro una grande: "Dobbiamo continuare così, è il mio gol più importante. Era importante segnare, non lo facevo dal 2016 in Champions". La serata giusta per tornare a farlo. E smentire, semmai ce ne fosse bisogno, le critiche più ingiuste.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti