Ventura: "Italia? Sarei onorato"

Il tecnico frena sulle voci che lo vorrebbero sulla panchina azzurra

  • A
  • A
  • A

Nonostante i numerosi attestati di stima e le voci di mercato che lo danno sempre più vicino alla panchina dell'Italia, Giampiero Ventura resta con i piedi per terra e frena. "Essere accostato al club azzurro fa piacere, ma penso faccia piacere a qualsiasi allenatore italiano, direi solo banalità - ha spiegato -. Al momento non sono in grado di parlare di questo, perché è stato scritto di tutto e di più e concretamente non c'è nulla".

Circa il suo probabile futuro da ct, dunque, Ventura non vuol lasciare trapelare niente. Il tecnico granata non si sbilancia su quello che potrebbe accadergli nelle prossime settimane. "Parleremmo del nulla, per questo non ha senso parlarne. Io non ho firmato nulla", ha precisato, continuando a tenere un profilo basso in chiave Nazionale.

La fumata bianca potrebbe arrivare, però, già martedì quando l'ormai ex allenatore del Torino incontrerà Marcello Lippi. L'ex ct, come riporta l'Ansa, ha detto sì a Carlo Tavecchio al suo ingresso in federazione come direttore tecnico e vuole subito trovare il successore di Conte.