Federica Pellegrini, nessuna sanzione per la lite con Paltrinieri e Morini jr

La Procura Fin archivia la posizione della nuotatrice: "Dichiarazioni spiacevoli, ai limiti della buona educazione, ma nessun illecito"

  • A
  • A
  • A

"Dichiarazioni spiacevoli, ai limiti della buona educazione. Ma niente illecito". Finisce con un'archiviazione per Federica Pellegrini la lite tra la campionessa azzurra e l'altro big della piscina Gregorio Paltrinieri: una bufera scatenata dall'assegnazione del riconoscimento come miglior tecnico dell'anno a Stefano Morini, coach dell'olimpionico, duramente criticata dalla Pellegrini che in un lungo sfogo sui social aveva sostenuto che quel premio lo meritava il suo tecnico, Matteo Giunta.

"Ora abbiamo la certezza di come funzionano queste votazioni" aveva scritto l'azzurra lo scorso 10 ottobre. Alla replica del Greg nazionale ("Le ho trovate parole poco rispettose nei confronti del Moro"), la Pellegrini aveva rilanciato: "Certo quando vieni stipendiato di brutto da qualcuno sei obbligato a dire certe cose. #madicosastiamoparlando".

Poi si erano aggiunti gli insulti volgari del figlio del tecnico, Tommaso Morini, contro il quale la Pellegrini aveva minacciato querela: "Raramente ho ricevuto offese sessiste e mai da persone così 'vicine'. Per una donna è veramente brutale!" aveva scritto. Ora la Procura della Fin, a indagine conclusa, "ritiene spiacevoli, ai limiti della buona educazione, della continenza e dell'adeguatezza le dichiarazioni di Federica Pellegrini, ma comunque espresse nell'alveo del diritto di critica e senza superare la soglia dell'illecito disciplinare. Quindi archivia la posizione dell'atleta". Restano invece "oggetto di valutazione separata" le dichiarazioni via Twitter del "tecnico Tommaso Morini".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments