Paralimpiadi 2018: Pozzerle d'argento nello snowboard cross, Luchini quarto

La nazionale di para ice hockey supera la Svezia e si qualifica per la semifinale, intanto nel medagliere olimpico l'Italia conta già due argenti e un bronzo

  • A
  • A
  • A

Lo snowboarder italiano, Manuel Pozzerle, ha vinto la medaglia d'argento nello snowboard cross per atleti con disabilità agli arti superiori alle Paralimpiadi invernali di Pyeongchang. È la terza medaglia per l'Italia ai Giochi, dopo quelle vinte nel fine settimana da Giacomo Bertagnolli nello sci alpino. Il 39enne atleta di Verona ha concluso la finale dietro all'australiano Simon Patmore. L'altro italiano in gara, Jacopo Luchini, ha perso la finale per il bronzo ed è arrivato quarto.

"Il mio obiettivo era arrivare tra i primi quattro - ha dichiarato Manuel Pozzerle dopo la gara -. Dedico questa vittoria a mia moglie Sara e a mia figlia Nives". Quindi un pensiero al compagno di squadra Luchini: "Sono sicuro che Jacopo possa rifarsi nel banked slalom, dove è molto forte!". Il 27enne di Montemurlo (Prato), al termine di una gara comunque straordinaria, ha chiuso infatti al quarto posto dopo aver perso in semifinale e nella finale per il bronzo: "Nella semifinale contro Minor ho risentito della caduta in qualifica - ha spiegato Luchini -. I dolori alle caviglie hanno probabilmente condizionato la gara". L'altro azzurro in gara, Paolo Priolo, è stato eliminato ai quarti di finale dall'americano Mike Minor, il grande favorito che però in semifinale ha perso il duello contro il nostro Manuel Pozzerle.

E' comprensibilmente soddisfatto Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico, per una manifestazione che sta già assumendo numeri record per la spedizione zzurra: "Un argento favoloso dopo una gara ad altissimi livelli. Manuel è arrivato in finale superando un autentico fuoriclasse come lo statunitense Minor. Un'altra grande emozione per l'Italia paralimpica. I miei complimenti a Manuel, ma anche a Paolo Priolo e Jacopo Luchini autori di una prestazione superlativa. Siamo di fronte a un gruppo altamente competitivo. Complimenti anche alla Fisip e a Tiziana Nasi per il lavoro fatto con la speranza di festeggiare nei prossimi giorni altre medaglie".

Risultato storico per la nazionale italiana di para ice hockey, che alle Paralimpiadi si è qualificata per la semifinale dopo aver battuto la Svezia 2-0. Gli azzurri, che chiudono il girone al secondo posto dietro al Canada, hanno sbloccato il match con Sandro Kaligaris e poi hanno raddoppiato con Gigi Rosa.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments