SUPERLEGA MASCHILE

Civitanova si scatena contro Verona, finisce 3-0 all’Eurosuole Forum

La Lube prosegue la sua marcia quasi inarrestabile in vetta alla classifica. Vincono anche Perugia, Modena e Trento

  • A
  • A
  • A

Ennesima vittoria per Civitanova, che strapazza in casa Verona con un secco 25-8, 25-14, 25-19. La Lube consolida il primo posto in SuperLega, mentre alle sue spalle Perugia riesce a tenerle il passo vincendo 25-23, 19-25, 25-20, 25-21 tra le mura amiche contro Padova. Quinto successo consecutivo per Modena, sempre terzo dopo il 25-23, 26-28, 25-13, 25-20 a Cisterna di Latina. Trento passa a Piacenza e stacca in classifica Milano in quarta posizione.

Come da pronostico, la Cucine Lube Civitanova si sbarazza in tre set della Calzedonia Verona, battuta 25-8, 25-14, 25-19. Nel primo set dell’Eurosuole Forum c’è davvero una sola squadra in campo: i veneti cominciano bene conquistando i primi due punti, ma un parziale di 12-5 si rivela fin troppo facile per i marchigiani, che da qui in avanti dilagano, portandosi anche sul 19-7 con un devastante turno al servizio di Simon e potendo poi vantare qualcosa come sedici set point, sfruttando il primo per il definitivo 25-8. Nel secondo set la musica non cambia più di tanto: la Lube allunga nel momento decisivo (ovvero a metà set), trascinandosi sul 13-8 e demoralizzando i veneti, che subiscono poi il punto del 21-12 e consentono ai padroni di casa di chiudere sul 25-14 con un attacco vincente di Kovář. Nel terzo set c’è l’attesa reazione della Calzedonia, che conduce per gran parte del set, ma senza mai prendere il largo: nel finale arriva la rimonta di Civitanova, che trova quattro punti consecutivi per il 20-16, per poi chiudere sul 25-19. Quindicesima vittoria su 16 partite in campionato; grande prestazione anche di Rychlicki.

Tiene il passo della capolista la Sir Safety (alla sua 17esima vittoria di fila in gare ufficiali) che ci mette un po’ carburare malgrado un Podraščanin in grande forma. Ma come spesso capita, la grande squadra si vede nel finale di set e qui i Block Devils non tradiscono le attese: sotto 19-21, infatti, la difesa sale di tono e Leon chiude il parziale 25-23. Gli umbri perdono smalto e trovano difficoltà a scardinare la seconda linea ospite nel secondo set. Così dopo un paio di salvataggi super di Danani, Hernández e Ishikawa mettono a terra palle a ripetizione in contrattacco e per la Sir c’è poco da fare: parità (25-19). Con il muro di Leon prima e di Podraščanin​​​​​​​ poi Perugia sistema le cose, grazie anche alla maggiore intensità difensiva. Padova continua a giocare la sua grande partita, ma quando anche l’attacco bianconero torna pimpante con Lanza particolarmente efficace, i Block Devils scappano via inesorabilmente sul 25-20. Leon sale ulteriormente di tono, Podraščanin​​​​​​​ continua a dettare legge in attacco e col muro e Colaci strappa applausi al PalaBarton con interventi in seconda linea a dir poco miracolosi. Padova si smarrisce lentamente e perde l’ultimo set 25-21, ma merita tutti gli onori del caso malgrado la sconfitta.

Quarta vittoria consecutiva in campionato per Modena, che piazza subito il break a Cisterna di Latina giocando perfettamente il side-out: 8-6. Sono Bednorz e Zaytsev a far prendere il largo alla Leo Shoes (17-12): lo Zar fa la differenza e chiude il set 25-23 (67% in attacco per il capitano). Nel secondo parziale è punto a punto con muro e difesa perfette da ambo le parti: 5-5. La Top Volley alza il livello di gioco e va sul 15-17. L’ace di Micah Christenson porta i gialli al 25-24, ma sono i padroni di casa ad aggiudicarsi il set sul 28-26 con un grandissimo ace di Van Garderen. Nel terzo parziale Modena va sull’11-7 con Holt scatenato al servizio. Bednorz e Zaytsev trascinano i gialli: 16-12. Christenson diventa assoluto protagonista della gara: gli emiliani scappano via e chiudono il set 25-13. L’ultimo decisivo parziale è ancora nel segno dei gialli, che si portano sul 16-13. Daniele Mazzone chiude l’incontro 25-20.

Trento supera in trasferta Piacenza 3-1 (23-25, 25-22, 25-16, 25-21). La palma di migliore in campo non può che essere assegnata a Luca Vettori, autore di 19 punti. Pronti, via e i padroni di casa piazzano un parziale di 7-0. I dolomitici cercano di rientrare e risalgono fino al 18-17. Gabriele Nelli (22) e compagni riescono a ritrovare la forza del loro attacco e vincono allo sprint finale. Decisamente più lineare ed equilibrato il secondo parziale, con Trento che trova il break nel finale riportandosi in parità per quanto riguarda il conto dei set. Cebulj trascina i suoi ad inizio del terzo set con gli ospiti che salgono fino al 16-10, gestendo poi con calma di situazione. I dolomitici nel quarto parziale ritrovano il loro miglior gioco e, nella seconda parte del set, piazzano il break partita.

Nelle zone basse della classifica, Vibo Valentia va a vincere sul campo di Sora con un netto 3-0 (25-21, 25-19, 25-20).

RISULTATI E CLASSIFICA

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments