dopo la follia

Tennis, Zverev squalificato due mesi per Acapulco ma la pena è sospesa

Il numero 3 al mondo aveva colpito la sedia dell'arbitro con la racchetta: ecco la decisione dell'ATP

  • A
  • A
  • A
 zverev
© Getty Images

Tutto sommato se l’è cavata con poco Alexander Zverev, espulso dal torneo di Acapulco per aver colpito più volte con la racchetta la sedia dell'arbitro durante una partita di doppio. Il numero 3 al mondo è stato condannato dall'ATP a due mesi di squalifica, ma la pena è sospesa. Zverev è stato inoltre multato di ulteriori 25.000 dollari (23.000 euro). Sia la sospensione che la multa non scatteranno a condizione che, durante un periodo di prova - che termina il 22 febbraio 2023 (a un anno dall'incidente) - il giocatore non commetta altre violazioni del codice disciplinare. Se quindi evita per un anno ogni ulteriore comportamento antisportivo - "comportamenti irrispettosi o aggressivi, abusi verbali o fisici, nei confronti di un giudice, un avversario, uno spettatore o un'altra persona durante o al termine di una partita" -, Zverev vedrà le sanzioni ufficialmente revocate, altrimenti si applicheranno dopo che tutti i ricorsi saranno esauriti, conclude l'ATP.

Inizialmente l'organo direttivo del circuito maschile aveva sanzionato il tedesco con una multa di 40.000 dollari (35.600 euro), per insulti e comportamenti antisportivi, e lo aveva privato dei suoi guadagni in Messico pari a 31.570 dollari (28.160 euro) come dei punti acquisiti nella classifica dei singoli e dei doppi disputati. Zverev, che potrà quindi gareggiare nell'Indian Wells Masters 1000 che inizia mercoledì, ha tempo fino a venerdì per presentare appello.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti