Wimbledon 2018, trionfa Djokovic: Anderson steso in finale

Il serbo torna a vincere uno Slam dopo due anni: finale vinta in tre set (6-2, 6-2, 7-6)

Novak Djokovic è tornato grande. Il campione serbo ha vinto per la quarta volta in carriera il torneo di Wimbledon, terza prova stagionale del Grande Slam. L'ex numero 1 del Mondo ha battuto senza troppe difficoltà in finale in tre set il sudafricano Kevin Anderson con il punteggio di 6-2, 6-2, 7-6 (3) in 2 ore e 19 minuti di gioco. Nole torna così a vincere uno Slam dopo un digiuno durato due anni. 

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

Ansa

Foto 2

Ansa

Foto 3

Ansa

Foto 4

Ansa

Foto 5

Ansa

Foto 6

Ansa

Foto 7

Ansa

Foto 8

Ansa

Foto 9

Ansa

Foto 10

Ansa

Foto 11

Ansa

Foto 12

Ansa

Foto 13

Ansa

Foto 14

Ansa

Foto 15

Ansa

Foto 16

Ansa

Foto 17

Ansa

Foto 18

Ansa

Foto 19

Ansa

Foto 20

Ansa

Foto 21

Ansa

Foto 22

Ansa

Foto 23

Ansa

Foto 24

Ansa

Foto 25

Ansa

Foto 26

Ansa

Foto 27

Ansa

Foto 28

Ansa

Foto 29

Ansa

Foto 30

Ansa

Foto 31
Foto 32
Foto 33
Foto 34
Foto 35
Foto 36
Foto 37
Foto 38

    Wimbledon 2018, trionfa Djokovic

    Nole Djokovic è tornato: dopo aver steso Nadal in semifinale, il serbo batte Anderson in finale in tre set (6-2, 6-2, 7-6) e conquista Wimbledon 2018.

    Il primo set è praticamente senza storia: Djokovic parte con il piglio deciso di chi non vuole sprecare la grande occasione e piazza il break già nel game di apertura, sfruttando la prima palla-break del match. Il serbo al servizio lascia le briciola a Kevin Anderson (appena tre “15” in tutto il primo parziale) e così gli unici game lottati sono quelli in cui serve il sudafricano, che nel quinto gioco subisce un nuovo break, a 15, consegnandosi così al suo avversario, che nell’ottavo game chiude con estrema facilità, in 31 minuti, sfruttando il primo set point.

    Il copione del secondo set è praticamente identico a quello del parziale di apertura: ancora una volta l’ex numero uno del mondo piazza il primo allungo già nel primo game, a 15, per poi dare un nuovo e risolutivo strappo nel quinto gioco, con un altro break a 15 contro un Anderson che, forse svuotato dalle maratone con Federer e Isner, non sembra avere le forze per controbattere. Il primo timido segnale di reazione del sudafricano arriva nel game di chiusura del secondo set, quando Anderson riesce a procurarsi la prima palla break dell’incontro, ma Djokovic la neutralizza, per poi chiudere il set con un altro 6-2.

    Il sussulto dell’ottavo game non è però un fuoco di paglia e lo si intuisce nel terzo parziale, il primo nel quale Djokovic non riesce a fare il break nel game di apertura. Anzi, ora è Anderson a tenere con disinvoltura i propri turni di servizio, mentre il serbo è costretto ad annullare una palla break già nell’ottavo game. Sul 5-4 Anderson ne arrivano altre due, che sono però anche set point, ma il serbo le annulla e si rifugia sul 5-5. La storia si ripete sul 6-5 Anderson: Djokovic va sotto 15-40 e annulla altri tre set point (cinque complessivi), ma alla fine riesce a rimandare il verdetto al tie-break. E lì torna il “vero” Nole: s’invola subito sul 5-1, poi non trema e chiude 7-3 al secondo match point. E da domani rientrerà in top ten. Per ora al numero 10, ma è facile prevedere che la scalata sia appena iniziata.

    TAGS:
    Wimbledon 2018
    Live
    Partite

    Invia un commento

    Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

    Registrazione Login X

    Invia commento

    Ciao

    Esci Disclaimer

    I vostri messaggi

    Regole per i commenti

    I commenti in questa pagina vengono controllati

    Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


    In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

    - Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

    - Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

    - Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

    - Più in generale violino i diritti di terzi

    - Promuovano attività illegali

    - Promuovano prodotti o servizi commerciali

    X