KARATE

Tokyo 2020, karate: Busà conquista un oro da record! Battuto Aghayev in finale

Il “Gorilla di Avola” supera l'azero cinque volte campione del mondo: la 37esima storica medaglia azzurra è del metallo più prezioso

  • A
  • A
  • A

Luigi Busà fa la storia non solo del karate, ma dello sport italiano in generale: nella finalissima del kumite -75 kg il “Gorilla di Avola” batte l’azero Rafael Aghayev (cinque volte campione del mondo), con il punteggio finale di 1-0, e conquista la medaglia d'oro. E' dunque del metallo più prezioso la medaglia numero 37 della spedizione italiana a Tokyo 2020, record nazionale per una singola edizione dei Giochi.

La medaglia, almeno quella di bronzo, era già sicura dopo aver superato la fase a gironi, con la conquista di un posto in semifinale. Ma Luigi Busà non è uno che si accontenta e non sorprende affatto che il “Gorilla di Avola” riesca a conquistare una splendida medaglia d’oro nel kumite, categoria -75 kg, facendo sì che la 37esima medaglia (mai così tante per l’Italia in una singola edizione dei Giochi Olimpici, superate le 36 di Los Angeles 1932 e Roma 1960) sia quella del metallo più prezioso.

Naturalmente non si tratta di una passeggiata per Busà: dopo aver battuto per 3-0, in semifinale, l’ucraino Stanislav Horuna, il 33enne siciliano si ritrova contro l’azero Rafael Aghayev, non certo il primo venuto (cinque ori mondiali, quattordici titoli europei nel suo palmarès).

Busà gestisce l’incontro, però, al meglio delle proprie potenzialità, soprattutto nell’evitare colpi vincenti da parte dell’avversario: e al minuto 1’42” arriva la svolta, con il pugno vincente dell’azzurro che vale il punto che, alla fine, deciderà un match terminato proprio sull’1-0. Non serve la video review chiamata dallo staff azero: Busà passa in vantaggio ed è perfetto nel controllare il finale dell’incontro, esplodendo di gioia allo scadere del tempo. Per l’Italia è dunque festa grande: prima medaglia d’oro nel karate (specialità al debutto ai Giochi) e record nazionale di podi olimpici, con un posto nella top 10 del medagliere ormai assicurato. È il nono oro complessivo della spedizione azzurra a Tokyo 2020, che va ad aggiungersi a 10 argenti e 18 bronzi.

BUSÀ: "QUESTA È UNA FOLLIA"
"Ho fatto 20 anni di gare ma questa è stata dura. All'inizio non mi sono espresso benissimo, con il kazako ho perso poi mi sono ripreso, una semifinale grandiosa e poi la finale contro il rivale di una vita. Un sogno, è stato un anno che ha dell'incredibile. Una follia, un giorno ve lo racconterò. Questa è una doppia vittoria": così Luigi Busa dopo la medaglia d'oro.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments