L'incredibile notte del nuoto: dall'eterno Phelps a Sjöström, Peaty e Ledecky. Riscritta la storia

23esima medaglia per il Kid di Baltimora. Tre record del mondo, quelli del britannico e della statunitense semplicemente impensabili

  • A
  • A
  • A

L'incredibile notte del nuoto, una notte storica, si materializza nella piscina olimpica dell'Olympic Aquatics Stadium - Barra Olympic Park. Tre record del mondo, due dei quali semplicemente fantascientifici, corredati da ori sacrosanti, meritati, bellissimi e folgoranti. Poi, verso le 5 della notte italiana, la ciliegina: gli Usa che vincono la 4x100sl con Phelps a conquistare il suo 19esimo oro olimpico, per un totale di 23 medaglie ai Giochi. Gli altri protagonisti: Sarah Sjöstrom (100 farfalla), Adam Peaty (100 rana) e Katie Ledecky (400 stile libero). Fenomeni.

100 farfalla letteralmente volati. Li ha vinti con facilità, Sarah Sjöström, che ha conquistato la medaglia d'oro stabilendo il nuovo primato del mondo: 55"48 contro il 55"64 che egli stessa deteneva dal 2015. Alle sue spalle la giovanissima canadese (classe 2000!) Penny Oleksiak, argento con 56"46, e la statunitense Dana Vollmer.

I 100 rana come nessuno li aveva mai nuotati. Adam Peaty consegna l'oro alla Gran Bretagna dimostrando di essere un autentico fenomeno. Il 22enne ha vinto, dominando, la gara in 57"13, abbassando di 42 centesimi il record stabilito in batteria sabato. Staccatissimi il sudafricano Cameron Van der Burgh e Cody Miller, americano.

Il primo oro olimpico per gli Usa lo porta Katie Ledecky. È nata nel 1997 e già a Londra 2012 aveva incantato il mondo vincendo l'oro negli 800 sl. A Rio ha fatto di più, e siamo solo alla seconda giornata. Dopo l'argento nella 4x100sl, la Ledecky ha riscritto la storia del nuoto, vincendo i 400 stile con il tempo di 3'56"46, prima donna della storia a scendere sotto il muro dei 3'57". Il record del mondo, che deteneva, è stato letteralmente stracciato (3'58"37). La diciannovenne ha anticipato di 4"77 la britannica Jazz Carlin, argento, e di 5"46 l'altra statunitense Leah Smith.

Spodestata la Francia, ma soprattutto ennesima medaglia olimpica per Michael Phelps! Il kid di Baltimora, scelto come secondo frazionista nella staffetta americana della 4x100 stile, aiuta i propri compagni con una grande frazione: gli Usa conquistano l'oro davanti alla Francia e all'Australia. Phelps, 30 anni, si era ritirato dopo Londra 2012. Questa medaglia è la sua numero 23 in assoluto a livello olimpico, la 19esima d'oro. Un mostro.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments