Toni ci crede: "Germania forte, ma con l'Italia perde sempre"

L'ex attaccante della Nazionale in esclusiva a Premium Sport: "Se dovesse succedere ancora per loro un trauma"

Luca Toni (LaPresse)

A due giorni da Italia-Germania che vale la semifinale di Euro 2016, Luca Toni, uno che la Germania l'ha fatta fuori ai Mondiali 2006, sprona gli Azzurri. "Loro sono una squadra forte ma tutte le volte che hanno incontrato l'Italia erano favoriti e le hanno sempre prese - ha spiegato l'ex attaccante della Nazionale in esclusiva a Premium Sport -. Sanno questa cosa e se succedesse ancora per loro sarebbe un trauma".

Toni ha giocato 75 minuti della sfida di Dortmund che il 4 luglio del 2006 lanciò la Nazionale di Lippi verso il trionfo di Berlino, dopo 120' di grande battaglia e due tempi supplementari giocati alla perfezione, quando l'armata tedesca padrona di casa cadde sotto i colpi di Grosso e Del Piero.

Tra quella Nazionale e quella di Conte, l'ex attaccante vede alcune similitudini. "Questa Italia simile a quella del 2006? Con Lippi tutti ci davano per perdenti ma lui ha sempre creduto alla vittoria e anche Conte è partito in sordina ma ha fatto capire ai ragazzi che se tutti corrono si può rischiare di vincere l’Europeo ed entrare nella storia".

L'ex attaccante del Verona, che a maggio ha appeso le scarpette al chiodo, ha lasciato tanti amici in Germania dopo l'esperienza con il Bayern Monaco dal 2007 al 2010. "Dove guarderò la partita? Con la mia famiglia, senza tedeschi ma se dovessimo vincere non vedo l’ora di andare fuori a festeggiare per prenderli in giro”.

TAGS:
Luca toni
ItaliaGermania
Euro 2016
Intervista premium