Spalletti a Milano da un amico. E il mercato si agita

Il tecnico della Roma si concede una giornata, privata, milanese. E la panchina interista si... scalda

  • A
  • A
  • A

Luciano Spalletti a Milano per i 60 anni di Bruno Arena, il comico dei Fichi d'India, è una foto-notizia che va oltre le celebrazioni per un caro amico. Perché basta poco, a volte quasi niente, per spingersi oltre una visita di piacere e di amicizia per elencare ipotesi e suggestioni di mercato che attorno alla frenesia di panchine eccellenti stanno alimentando la primavera del Pallone. Tanto da obbligare sia la Roma che l'Inter a precisazioni onde evitare che un fatto privato diventi un clamoroso caso di mercato. Tant'è. Non è la prima volta che accade, da una vita.

E qui veniamo ai dati, non nuovi, di progetti societari e personali. Il tecnico che alla Roma, è risaputo, medita di non restare sulla panchina giallorossa, salvo clamorosi sviluppi in chiave-scudetto. E a Palazzo-Inter stanno meditando sul futuro: il club dopo quattro allenatori consumati in una stagione (Mancini, De Boer, l'apparizione per necessità di Vecchi e Pioli) avrebbe (ha) in agenda di concedersi il lusso del quinto per aprire la stagione 2017-2018.
Dunque... siamo alle suggestioni di metà aprile e di mercato? In fondo sì, non è con una trasferta per i fatti suoi (di Spalletti, intendiamo) che si materializzano ipotesi di mercato, peraltro suffragate da rumors che si allungano nelle ultime settimane. Si è parlato di Simeone a suo tempo, si è parlato di Conte fino a dieci giorni fa, ci si è buttati su Spalletti da quando il tecnico giallorosso ha elencato i motivi per i quali la sua avventura romana può chiudersi a fine stagione. 

E così la sua giornata milanese è stata corredata da tutto quanto è emerso in questi tribolati giorni all'Inter, con le bastonate a domicilio della Samp e in trasferta a Crotone che hanno consumato quasi tutto il credito concesso a Pioli, in attesa di un derby vissuto pericolosamente in bilico fra la necessità di riprendersi e l'incubo di una terza legnata.
Dicono anche che Spalletti potrebbe essere la suggestione milanista con l'idea di una staffetta Roma-Milan, che condurrebbe Montella sulla panchina giallorossa, e don Luciano su quella rossonera, ma qui siamo un po' oltre i progetti, visto che al Milan si attende la chiusura della pratiche per l'ingresso dei cinesi ai vertici del club.

E comunque, tutto si lega ai lampi di calciomercato. Non a Spalletti in visita.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments