MANOVRE BIANCONERE

La Juve non molla Calafiori e Di Lorenzo: i piani di Motta

Il nuovo tecnico bianconero ha le idee chiare, la difesa sarà la base della nuova Juve. Giuntoli al lavoro con Bologna e Napoli

  • A
  • A
  • A

La Juventus di Thiago Motta prende forma. Tra giocatori blindati e la ricerca di nuovi arrivi, si disegna il nuovo progetto bianconero. Punto forte della squadra del tecnico italo-brasiliano sarà la difesa, solida e ben salda che rappresenterà le fondamenta da cui partirà la rinascita bianconera. Due gli obiettivi di mercato che il ds Giuntoli non vuole mollare: Calafiori e Di Lorenzo.

Vedi anche Juve, boom abbonamenti: già superata la quota della stagione 2023/24 juventus Juve, boom abbonamenti: già superata la quota della stagione 2023/24 Nel corso della conferenza stampa di presentazione di Italiano come nuovo allenatore del Bologna l'ad Claudio Fenucci ha parlato del futuro Del difensore rossoblù: "La volontà è di confermare gran parte della rosa di questa stagione. Vogliamo andare avanti con questo gruppo che può ancora migliorare. Preferiamo continuare con questi giocatori e al momento abbiamo già comunicato al suo agente che non c'è intenzione di spostare il giocatore". Il difensore è sotto contratto fino a giugno 2027 ma La Juve non si arrende, Giuntoli avrebbe già raggiunto un’intesa con l’agente del giocatore sulla base di un contratto di 5 anni a 2,5 milioni di euro netti a stagione. Il club bianconero vorrebbe spendere sui 25 milioni ma il Bologna chiede il doppio. Motta però non vuole rinunciarci, bisogna lavorare ancora molto.

Situazione simile quella di Di Lorenzo. L’esterno della nazionale secondo la società partenopea non è sul mercato, partirebbe solo davanti a un’offerta irrinunciabile non inferiore ai 55 milioni, quotazione definita dall’ingaggio del giocatore che il club stima pari al 10 per cento del suo valore di mercato. L’incontro con la società però nei giorni scorsi non è andato come sperato. Conte ha ribadito che deve rimanere la prossima stagione ma i malumori del giocatore potrebbero portarlo lontano da Napoli. Se ne riparlerà dopo l’Europeo. Sicuri di restare per Thiago Motta sono Bremer e Danilo, punti saldi della difesa, oltre a Rugani che ha da poco rinnovato e Gatti che non è in dubbio. Alle loro spalle è quasi certo ci sarà una novità in porta: Di Gregorio prenderà il posto di Szczesny, in partenza per l’Arabia Saudita per andare a giocare all'Al Nassr con CR7. L'estremo difensore è in arrivo dal Monza in prestito per 2 milioni, con obbligo di riscatto. Sarà lui a difendere i pali della porta bianconera, come vice Perin e il terzo Pinsoglio.

A centro campo Rabiot dovrebbe restare, piace molto a Thiago Motta ma il contratto è in scadenza e tutto può succedere. L'alternativa al francese è Locatelli ma c'è nel mirino anche Thuram del Nizza. Inoltre è quasi fatta per Douglas Luiz, mancherebbe ormai solo la firma sul contratto per diventare bianconero, con la partenza di McKennie e Iling Junior, mentre gli altri colleghi di reparto dovrebbero essere confermati.

In attacco il nome più caldo è quello di Greenwood. Questa scelta fa intravedere una possibile uscita di Chiesa, che è il sogno della Roma di De Rossi. Altro nome che circola ormai da parecchio tempo è Koopmeiners. L’Atalanta vuole 60 milioni per cederlo, Giuntoli è al lavoro e vorrebbe inserire nell’affare una contropartita tecnica per abbassare la cifra. Confermatissimi Yildi e Vlahovic.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti