FORMULA 1

Ralf Schumacher: "Michael mi manca, nulla è più come prima"

Intervista al tabloid "Bild" del fratello minore del sette volte iridato, nel'imminenza del decimo anniversario dell'incidente di Meribel

di
  • A
  • A
  • A
Ralf Schumacher: "Michael mi manca, nulla è più come prima" - foto 1
© Getty Images

"La vita a volte è molto ingiusta. Michael è stato molto fortunato nel corso della sua vita, poi c'è stato questo tragico incidente. La medicina ha permesso di gare qualcosa. Tuttavia, nulla è più come una volta. Mio fratello mi manca molto". Sono questi i passaggi più significativa dell'intervista - ad ormai dieci anni dall'incidente sugli sci di Meribel - Ralf Schumacher ha concesso al popolare tabloid tedesco "Bild". Di sei anni minore del sette volte campione del mondo, il quarantottenne Ralf (sei volte vincitore di un Gran Premio) è una delle pochissime persone ammesse alla presenza di Michael nella "fortezza" di Gland affacciata sul Lago di Ginevra, in Svizzera.

Ralf Schumacher: "Michael mi manca, nulla è più come prima" - foto 2
© Getty Images

"Michael non era solo mio fratello. Quando eravamo bambini, è stato anche il mio allenatore e mentore. Mi ha insegnato letteralmente tutto sulle corse di kart. Ci può essere una differenza di età di quasi sette anni, ma lui è sempre stato al mio fianco. Abbiamo corso insieme, ci siamo esercitati nei sorpassi e in tutto ciò che conta nel motorsport. Mi ha trasmesso tutti gli insegnamenti che lui appreso. Ho avuto l'onore di imparare da uno dei più grandi. Quel giorno a Meribel il destino era in agguato ed ha cambiato per sempre la nostra famiglia. Quell'esperienza mi ha segnato e a maggior ragione lo ha fatto con i suoi figli". 

Ralf Schumacher: "Michael mi manca, nulla è più come prima" - foto 3
© Getty Images

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti