F1, Raikkonen leader a Jerez

La quattro giorni di prove in Spagna si chiude col miglior tempo della Ferrari davanti alla Sauber di Ericsson e alla Mercedes di Hamilton

  • A
  • A
  • A

La Ferrari può sorridere al termine della quattro giorni di test invernali di Formula 1 a Jerez de la Frontera. Kimi Raikkonen ha chiuso l'ultima giornata con il miglior tempo - 1'20"841 - davanti allo svedese Marcus Ericsson, con la Sauber motorizzata Ferrari, alla Mercedes di Lewis Hamilton e alla Toro Rosso di Max Verstappen, distanti oltre un secondo dal finlandese. Lontani Grosjean, Kvyat e Button, alle prese con diversi problemi.

Kimi Raikkonen ha realizzato il miglior crono, non solo di giornata, ma addirittura di tutti e quattro i giorni di test sul circuito spagnolo: l'1'20"841 è stato realizzato con le gomme morbide in uno stint di 3 giri mentre il totale di giornata per il finlandese fa segnare 105 tornate con la Ferrari SF15-T. Al secondo posto, ma ad oltre un secondo, c'è la Sauber motorizzata Ferrari: dopo il miglior tempo di ieri di Felipe Nasr, oggi è stato lo svedese Ericsson a ben comportarsi a Jerez. Terzo Lewis Hamilton con la Mercedes che, come Rosberg, non ha prodotti tempi sul giro di altissimo livello ma ha accumulato molte informazioni visto che è stato quello più sul tracciato come dimostrano i 117 giri realizzati.

Quarto tempo per il baby Max Verstappen sulla Toro Rosso mentre Felipe Massa con la Williams è quinta. Sesto il francese Grosjean che ha totalizzato 53 giri e ha concluso i test con un'ora di anticipo per problemi alla power unit della Lotus E23. Settimo il russo Kvyat con la Red Bull: dopo i problemi del mattino (solo 8 giri), è andata meglio nel pomeriggio e ha chiuso con 64 tornate totali ma è molto indietro e paga oltre 3 secondi a Raikkonen. Chiude Jenson Button con la McLaren Honda: 21 giri nel pomeriggio, 35 in tutto, quasi 7 secondi di ritardo dalla Ferrari, e test chiusi con largo anticipo per un guasto alla pompa del carburante.

1. Kimi Raikkonen, Ferrari, 1'20"841, 106 giri
2. Felipe Nasr, Sauber, 1'22"019, 112 giri
3. Lewis Hamilton, Mercedes, 1'22"172, 117 giri 
4. Max Verstappen, Toro Rosso, 1'22"553, 97 giri 
5. Felipe Massa, Williams, 1'23"116, 73 giri 
6. Romain Grosjean, Lotus, 1'23"802, 53 giri 
7. Daniil Kvyat, Red Bull, 1'23"975, 64 giri 
8. Jenson Button, McLaren, 1'27"660, 35 giri

"Durante l'inverno abbiamo fatto un bel salto in avanti, questa monoposto è decisamente migliore di quella 2014''. Kimi Raikkonen non nasconde la sua soddisfazione dopo aver segnato il miglior tempo assoluto nei test di Jerez. "E' tutto il 'pacchetto' che ha fatto progressi; ma il lavoro da fare è ancora tanto - ha proseguito il pilota finlandese della Ferrari - Non facciamo confronti con la concorrenza, abbiamo lavorato per noi stessi, senza guardare a quello che facevano gli altri. I tempi ottenuti quindi contano relativamente, l'importante è che abbiamo messo assieme un buon numero di giri senza veri problemi. Oggi le condizioni non erano proprio facili, c'era troppo vento in pista, ma in fondo è stato così per tutti. Ribadisco che adesso abbiamo una buona base per iniziare lo sviluppo".

"I test di questi giorni, se comparati allo scorso anno, hanno dato riscontri incoraggianti", è il commento di Maurizio Arrivabene, responsabile della gestione sportiva della scuderia di Maranello - La squadra ha lavorato bene sia a casa che in pista e i nostri piloti hanno fatto un ottimo lavoro, dando feedback preziosi ai tecnici; ma soprattutto sono contento che il gruppo abbia ritrovato motivazione e spirito di squadra. In termini di performance non credo che i nostri avversari (soprattutto uno) abbiano mostrato in questi giorni le loro vere potenzialità. Penso che il nostro e il loro vero valore lo scopriremo solo all'ultima sessione di test a Barcellona. Ora il mio interesse è rivolto a Parigi, dove nella riunione di domani si deciderà quale sarà il futuro di questo sport".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments