QUOTE ROSA

Alpine svela il programma per formare donne pilota: obiettivo F1

L'Academy della scuderia francese mira a identificare, sin dalla tenera età, le giovani donne che partendo dai kart vogliono arrivare al top

  • A
  • A
  • A
© Getty Images

Un programma per formare giovani donne pilota con l'obiettivo di portarle in Formula 1. Ad annunciarlo è il team Alpine, un progetto che rientra in uno più ampio che ha come finalità una maggiore inclusione delle donne nei vari rami dell'azienda: l'obiettivo p passare dal 12% attuale della forza lavoro femminile al 30% entro 5 anni. Dal punto di vista sportivo il piano si chiama Rac(H)er e verrà attuato soprattutto all'interno dell'accademia del team. La forza lavoro nella scuderia è composta solo per il 10% da donne, fa sapere il team stesso.

Vedi anche Formula 1 Una pilota saudita in pista con una F1 a Le Castellet Inoltre, in 72 anni di gare di Formula 1 solo 6 su 885 piloti sono state donne. Il programma dell'Academy mira a identificare, sin dalla tenera età, le giovani donne che partendo dai kart vogliono arrivare alla Formula 1. Il piano fissa una tabella di marcia completa per supportare i giovani talenti e definire corse, test, allenamenti fisici e training mentali. Per la realizzazione di questo programma saranno stanziate importanti risorse, con l'obiettivo di "dare alle donne pilota le stesse possibilità di successo dei più grandi campioni allenati dall'Academy e di passare cosi' dal kart alla F4, poi dai campionati regionali alla F3 e infine dalla F2 alla F1".

Il programma Rac(H)er mira a coinvolgere tutte le parti interessate dello sport e dell'industria automobilistica, a partire dalla F1 e dal Comitato Fia Women in Motorsport, oltre a creare collegamenti con i programmi esistenti per affrontare la sfida dell'inclusione come Girls on Track. "Il nostro ruolo, come team di Formula 1 e marchio del Gruppo Renault, è impegnarci a rendere il nostro ecosistema più inclusivo e fare della diversità la nostra forza. Siamo consapevoli della necessita' di una profonda trasformazione sia dello sport che dell'industria in modo che tutti i talenti possano prosperare in futuro", spiega Laurent Rossi, Ceo di Alpine. "Con il lancio di Rac(H)er, questo programma di trasformazione a lungo termine, speriamo di essere affiancati da tutti gli attori del settore, perché è solo unendoci che potremo fare dei veri progressi. E questo sarebbe il nostro vero successo", conclude Rossi.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti